martedì 24 aprile 2012

Salone Internazionale del Libro di Torino 2012


Si torna a sfogliare e a leggere
Salone Internazionale del Libro
Torino : A metà maggio, quest'anno si terrà la 25a edizione
di Stefania Spadafora – SLIDE Torino


Da giovedì 10 a lunedì 14 maggio 2012 al Lingotto Fiere si tiene la 25a edizione del Salone Internazionale del Libro.
Tema conduttore è la «Primavera digitale», cui è ispirata la campagna di comunicazione 2012: le trasformazioni che il «vivere in rete» ha indotto nel leggere, scrivere, comunicare e conservare informazioni e culture.
Computer ultrasottili, tablet e smartphone, tecnologie digitali sempre più portatili, potenti e a buon mercato, in grado di garantire una connessione continua, stanno cambiando radicalmente il nostro modo di pensare, scrivere, comunicare, stampare, pubblicare, leggere, vendere. E con esso la produzione, la distribuzione, la ricezione dei prodotti intellettuali: dai giornali ai libri. La Primavera Digitale è un fenomeno che va al di là del futuro degli e-book o dei destini dell’editoria su carta.
La vistose mutazioni in corso sono il motivo conduttore dell’edizione 2012 del Salone Internazionale del Libro. Si comincia perciò con una tavola rotonda sulle nuove strategie che il digitale impone agli editori.
L’edizione 2012 vede inoltre la nascita del DigiLab, un laboratorio dedicato all’editoria digitale. Nel laboratorio saranno presenti 25 tablet a disposizione dei bambini, che sotto la guida di un Master parteciperanno a laboratori studiati per loro. È la prima volta, a livello internazionale, che una fiera del libro organizza un’attività laboratoriale di questo tipo.
Per la prima volta nella storia del Salone i Paesi ospiti d’onore sono due: la Romania e la Spagna, che portano a Torino una significativa rappresentanza dei propri autori e della propria cultura. E nel tradizionale focus realizzato assieme alla Camera di Commercio di Torino si fa il punto sulle sfide che la Romania offre ai player economici ed editoriali.
Due Paesi collocati agli estremi geografici dell’arco della lingua e cultura latina, che saranno entrambi presenti al Lingotto Fiere come Ospite d’onore con pari dignità, un proprio grande stand, autori, editori, incontri. Entrambi offriranno – com’è tradizione - il diorama della propria creatività e vivacità culturale, e l’ampio spettro della propria civiltà che si estende dalla memoria alla cultura materiale, dalla vita quotidiana al paesaggio umano. Anche coinvolgendo le rispettive comunità linguistiche ampiamente presenti sul territorio torinese e nazionale.
I venticinque anni del Salone di Torino coincidono con una profonda metamorfosi della città e del suo ruolo. Ad essi il Salone dedica la mostra La Città Visibile. Torino, 1988-2012>>, ideata assieme al Circolo dei lettori e curata da Luca Beatrice: dai loghi del Salone alla sentenza Thyssen, dall’Mp3 al motore Common Rail, dalla torcia olimpica allo zainetto Invicta, i venticinque oggetti-simbolo della Torino dell’ultimo quarto di secolo, esposti e raccontati ognuno dalle parole di uno scrittore.
Torna il Bookstock Village, il progetto del Salone per i giovani lettori sostenuto dalla Compagnia di San Paolo: come lo scorso anno il programma per i giovani 14-20 anni è curato dallo scrittore Andrea Bajani.
Tante le novità e le conferme nelle sezioni del Salone. Dimensione Musica è l’area dedicata al Made in Italy del settore musicale: dai prestigiosi strumenti tradizionali alle pubblicazioni editoriali, dalle tecnologie audio dell’HiFi alle case discografiche, fino alle produzioni più squisitamente artistiche (concerti, festival, manifestazioni). Book to the future è lo spazio interamente dedicato alle tecnologie per la fruizione culturale: eBook reader, tablet, device per la lettura digitale, distributori, portali, librerie online.
Confermati tutti gli altri spazi più amati dal pubblico. A cominciare da Lingua Madre, l’area dedicata al meticciato culturale, con l’omonimo concorso per le scrittrici straniere in Italia. Anche Libro e Cioccolato. Tentazione e meditazione che schiera il meglio degli chocolatiers di Torino e Piemonte in un programma di incontri con grandi chef e maîtres à penser del gusto.
Grazie alla partnership con Gtt – Gruppo Trasporti Torinesi, i possessori di biglietto urbano timbrato in giornata, abbonamento settimanale, mensile e dipendenti Gtt entrano al Salone con l’ingresso ridotto a 8 €; con l’abbonamento annuale o plurimensile a 6 €.
Da quest’anno il Salone è su Twitter, con gli eventi principali raccontati e commentati da tutti in tempo reale. Diventa follower anche tu: @SalonedelLibro.

I programmi completi del Salone e delle iniziative collaterali sono su salonelibro.it.
Orari: gio-do-lu 10-22; ve-sa 10-23. Biglietto intero 10.00 €, ridotto 8.00 €.