martedì 24 aprile 2012

BELLEZZA NATURALE; IL BELLO NON E’ PIU’ QUELLO DI UNA VOLTA

Ebbene si, in un mondo dei servizi in cui tutto muta e le mode si alternano con sempre maggiore rapidità, anche nel mondo dell’estetica verifichiamo sistematicamente una forte innovazione delle proposte, dei trattamenti e della professionalità degli operatori. Il settore dei servizi alla persona fatto di estetica, acconciatura, benessere, spa e via dicendo è caratterizzato da una grande dinamicità, che qualcuno a volte riassume dicendo che non è più l’epoca dei “baffetti e sopracciglia” ma quella dei “trattamenti estetici e benessere”. Abbiamo chiesto a Laura Grilli, titolare di un centro estetico a Forlì e Presidente dell’Unione Benessere e Sanità di CNA Emilia-Romagna di fare il punto sull’attuale evoluzione del settore che, CNA affronterà anche nel contesto di un convegno che a maggio tratterà il tema: ”Da moda e bellezza, a prevenzione e stile di vita: la trasformazione delle professioni del benessere.” “Nel convegno faremo il punto in merito alla grande trasformazione ed innovazione che ha coinvolto il settore benessere e servizi alla persona, in questa regione ma non solo” dice Laura Grilli e prosegue “le attività di acconciatore ed estetista sono profondamente cambiate perché è mutata la disponibilità di apparecchiature, cosmetici e trattamenti, con nuovi approcci al cliente e con la necessità per gli operatori di essere più preparati e più competenti di qualche anno fa” La pubblicità che troviamo sulle riviste di moda, gli annunci pubblicitari dei centri, gli articoli e gli approfondimenti che vengono proposti al grande pubblico sui magazine nazionali, come Slide Italia testimoniano una grande innovazione di cui il settore è protagonista, passando dai classici trattamenti volti alla bellezza ed all’immagine verso un approccio maggiormente vocato al benessere, con una visione olistica del cliente e quindi con una maggiore tendenza al bello “naturale”, rispettoso delle caratteristiche e dello spirito dei singoli clienti. C’è, oggi, una maggiore attenzione alle caratteristiche dei clienti? Una tendenza al benessere della persona, chiediamo a Laura Grilli; “certamente si, anche perché è cambiata la domanda che viene dai clienti oltreché l’offerta; nessuno ci chiede più di trasformare la propria immagine per apparire diversi, ma, in qualche modo, di fare emergere il bello ed il peculiare che c’è in ognuno di noi; si tende sempre più alla valorizzazione della persona piuttosto che ad una sua trasformazione” insomma, tra gli operatori del benessere è ormai chiaro che il bello non è più quello di qualche anno fa. Nel convegno che proponete alle categorie del benessere, che avrà luogo a Porretta Terme in provincia di Bologna, nelle giornate del 6 e 7 maggio 2012, nella suggestiva cornice dell’Hotel Helvetia, interverranno anche relatori che provengono dal campo medico, della produzione, della moda e financo un cabarettista come Duilio Pizzocchi; non è che avete messo troppa carne al fuoco? “Ma proprio questa complessità è oggi la caratteristica principale delle professioni del benessere, che devono sapersi relazionare con il mondo medico, con quello della produzione delle tecnologie” dice Laura Grilli e continua “perché non basta più saper svolgere le singole prestazioni con adeguate competenze e capacità ma occorre sviluppare idonee politiche di marketing e comunicazione aziendale, bisogna sapersi relazionare con i clienti e con le loro attese ed ansie e, in questo sforzo di mettere a fuoco le caratteristiche di questo nostro settore anche i comici ed i caratteristi che esaltano con la satira fobie e relazioni possono aiutarci a comprendere la complessità del nostro odierno agire professionale”. Ascoltando Laura verrebbe voglia a tutti di partecipare in quanto possibili clienti per fornire un proprio contributo a questa riflessione in cui sono impegnati i professionisti e le imprese del benessere, perché ci piacerebbe far pesare il nostro punto di vista di semplici clienti e Laura ancora precisa “in quel contesto cercheremo di valorizzare anche il punto di vista dei clienti perché, oggi, non possiamo più prescindere da valori relazionali con gli utenti che sono portatori di una domanda di prestazioni e trattamenti sempre più personalizzata sulle esigenze del singolo che chiede di migliorare la propria immagine in modo “naturale” attraverso tecniche dolci e che considerino l’individuo e non la superficie del corpo”. In quel convegno ci saranno diversi momenti di discussione con i relatori e, quindi, sarebbe di interesse anche una presenza dei clienti in modo da far sentire il peso delle argomentazioni dei singoli; “siete tutti invitati” ci dice Laura “ vi aspettiamo”.