martedì 20 marzo 2012

SLIDE incontra Franco Califano


Slide incontra il "Califfo"
Franco Califano emoziona e incanta Cosenza
Il 4 maggio toccherà a Renzo Arbore salire sul palco del Rendano.
di Marcello Romanelli / Slide Cosenza

Perché “Tutto il resto è noia”. Noia se non vedi un concerto come quello di Franco Califano organizzato dal promoter calabrese Roberto Iacobino. E il popolo della notte che è uscito dal teatro Rendano di Cosenza è convinto di questo. Popolo della notte, si, perché i fan del “Califfo” nazionale sono fan non da poltrona e pantofole, ma è gente della notte, gente che frequenta locali, gente che ama la vita della strada. Tra questi ,in prima fila, c’è anche il sindaco Mario Occhiuto che applaude e canta. Un concerto che si è concluso con una standing ovation e con un coro collettivo su quella canzone “Minuetto” dedicata a Mia Martini. Franco Califano canta da seduto, non è al top fisicamente, il pubblico cosentino capisce il suo momento e lo spinge con applausi e grida da stadio. Non sono più di 300 i fan accorsi in una serata non fredda e illuminata da una timida luna. Califano, sul palco del Rendano, ripercorre tutta la sua vita e i suoi momenti in cui ha scritto testi cantati da grandi cantanti italiani. Arriva la raffica di successi e si spazia da “ Cammino in centro” a “ Bimba mia” per arrivare alla “Mia libertà”. La libertà di un cantante che ha vissuto la vita senza alcun freno. Sempre e comunque sotto i riflettori che hanno illuminato il suo cammino affascinante e ,pieno, di colpi di scena. E di libertà ne ha parlato anche in un Rendano che addirittura suggeriva in alcune canzoni il testo ad un Califano sorpreso: “Aho a sapete piu di me..”. Risate, applausi e ancora bis. L’emozione di Califano non dura tanto. Dopo due ore è tutto finito. No, la notte no. La notte per Califano termina al Deep Fashion dei fratelli Aiello. Ad accogliere il cantante romano la mente del locale, Francesco Crocco e un paparazzo free lance molto conosciuto in città che di nome da Remigio. Ed è lo stesso Remigio che ha fatto le foto per Slide Italia. Non potevamo mancare in una notte interminabile. Tutti pronti e “attovagliati”, finalmente si mangia. Vino rosso,antipasto della casa e un bel primo caldo. I pr Mario Lombardi e Alessia Perugini hanno voluto omaggiare il cantante con una cena dove sono arrivati anche gli altri personaggi che animano la movida notturna. A tavola non si parla più di musica, ma della sua grande passione: l’Inter. Per Franco Califano l’Inter “ è una vera malattia. Abbiamo vinto per 7 anni, ora ci stiamo solo riposando, ma ritorneremo, anzi non siamo mai andati via”. L'emozione del pubblico e quel coro che Califano non dimenticherà mai: "Cosenza è una città che mi ha sempre seguito con affetto ed è bello tornare e sentire le vostre voci che cantano brani che escono dal cuore". Non mancano i complimenti al Rendano: “Un piccolo gioiellino..” e la notte termina con le canzoni stile falò intonate sempre dal pr Lombardi che riprende i successi del cantante stanco ma felice per questa “ bella notte cosentina”. Califano saluta e va via. Non finiscono con Franco Califano gli appuntamenti con il Live al Rendano. L'appuntamento è per il 4 maggio con il concerto di Renzo Arbore e la sua band. Un concerto che ha già registrato richieste e prenotazioni di biglietti. Un concerto che in tanti attendono da troppo tempo. Anche per Renzo Arbore è un ritorno a Cosenza e dopo molti anni sarà un piacere cantare ancora: " Cocorito, cocorito...".