sabato 4 febbraio 2012

Slide Intervista a Raul Bova by Radio Cinema


Intervista a Raul Bova
Immaturi - Il Viaggio
Dopo il grande successo di Immaturi, ecco il sequel.
di Daria Pomponio / RadioCinema per Slide ( alcune info tratte da wikipedia )



Squadra che vince non si cambia e dunque dopo il sorprendente successo del primo capitolo (più di 15 milioni gli euro incassati da Immaturi), tornano i maturandi più amati d’Italia con Immaturi – Il viaggio, pellicola firmata sempre da Paolo Genovese e interpretata da Raoul Bova, Ricky Memphis, Ambra Angiolini, Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Anita Caprioli e Barbora Bobulova. Dopo essersi ritrovati per affrontare gli esami di Maturità, i sette protagonisti del film decidono questa volta di organizzare il viaggio di fine scuola che non avevano fatto ai tempi del liceo. Accompagnati, più o meno volontariamente, da mogli, fidanzate, genitori e figli, i protagonisti proseguono il loro percorso di crescita in un'isola della Grecia, per dimostrare, ancora una volta, che la "maturità" non si raggiunge mai completamente, perché, come diceva Eduardo, “gli esami non finiscono mai”.
Abbiamo incontrato Raoul Bova, uno dei protagonisti del film, e gli abbiamo chiesto qualche considerazione sul suo personaggio, sulla fatica che comporta la crescita e sul successo del cinema, specie se commedia, italiano.

Gli ex-maturandi tornano sul grande schermo per proseguire il loro percorso di formazione e si recano in una meta tipicamente adolescenziale: la Grecia, insomma sembra che abbiano paura di diventare completamente adulti, è così?
RB - Si è vero, la Grecia è una meta tipicamente giovanile. Non vogliamo crescere, questo è il dramma vero, arrivati ai quarant’anni si vuole tornare indietro, è una situazione abbastanza diffusa e in Immaturi il viaggio noi raccontiamo proprio questo, in un’isola bellissima che nella realtà è quella di Paros, ci ritroviamo a fare gli adolescenti, ma dal momento che non lo siamo più, i problemi si raddoppiano.

Qual è il tuo rapporto con quell’età, la rimpiangi, vorresti tornare indietro e fare quello che non hai fatto allora?
RB – No, in realtà a me piace andare avanti con l’età, l’adolescenza l’ho passata e quindi la conosco, preferisco conoscere ora quello che mi aspetta e mi piace anche molto vivere la mia

Il tuo personaggio in questa tappa diventa più maturo o rimane ancorato al passato?
La realtà è che non si diventa mai veramente maturi e questo lo si vede nel film, ma è così anche nella vita, credo che si resti sempre immaturi in qualche cosa e che si possa sempre crescere. Il mio personaggio in questo secondo capitolo si mette alla prova perché pensa di essere maturo per quel che riguarda l’amore e la fedeltà che ha nei confronti della moglie, mentre poi si ritrova in una situazione un po’ imbarazzante. Insomma cade e si risolleva, in questa storia che è molto divertente perché di mezzo c’è il personaggio di Ricky Memphis, con il quale stringo un legame ancora di più forte che porta gli altri a confonderci l’uno con l’altro e questo dà vita ad una serie di situazioni esilaranti.

L’uscita del film, programmata per il 4 gennaio sembra voler richiamare un pubblico, quello del Natale, che da sempre risponde con favore alla commedia nostrana. Qual è il tuo augurio per l’anno nuovo per il nostro cinema e per gli spettatori?
È difficile per lo spettatore in questo periodo scegliere il film da vedere, ce ne sono molti, in effetti c’è un sovraffollamento di uscite natalizie e post-natalizie. Comunque penso che è un bene se il pubblico si rivolge, come accade sempre più spesso ultimamente, al cinema italiano. Evidentemente la qualità è cresciuta e gli spettatori si fidano un po’ di più dei nostri prodotti, questo è un dato positivo, qualunque sia la pellicola che poi scelgono di vedere. Spero che in questo momento difficile per il nostro paese sempre più persone vadano al cinema a vedere dei buoni film, che magari contribuiscano a farli sognare.


RAUL BOVA. Dopo essersi diplomato all'Istituto Magistrale, si iscrive all'ISEF, ma abbandona gli studi prima della fine dei corsi. Nel frattempo comincia la sua carriera sportiva come nuotatore, avendo vinto, a 16 anni, il campionato italiano giovanile di nuoto (100 metri dorso maschili). Tale carriera sportiva si rivela, però, avara di successi, spingendolo ad abbandonare l'agonismo[1]. A 21 anni presta servizio militare, nel corpo dei Bersaglieri ha anche esercitato l'incarico di istruttore di nuoto presso la scuola sottufficiali esercito. Raul si iscrive ai corsi di recitazione della scuola di Beatrice Bracco, ma li abbandona presto per intraprendere la carriera d'attore. È alto 180 cm. Sposato con Chiara Giordano, ha due figli, Alessandro Leon (1999), e Francesco (2001).


CINEMA
Quando eravamo repressi, non accreditato, regia di Pino Quartullo (1992)
Mutande pazze, regia di Roberto D'Agostino (1992)
Cominciò tutto per caso, regia di Umberto Marino (1993)
Piccolo grande amore, regia di Carlo Vanzina (1993)
Palermo Milano solo andata, regia di Claudio Fragasso (1995)
La lupa, regia di Gabriele Lavia (1996)
Il sindaco, regia di Ugo Fabrizio Giordani (1996)
Ninfa plebea, regia di Lina Wertmüller (1996)
La frontiera, regia di Franco Giraldi (1996)
Coppia omicida, regia di Claudio Fragasso (1998)
Rewind, regia di Sergio Gobbi (1998)
Terra bruciata, regia di Fabio Segatori (1999)
I cavalieri che fecero l'impresa, regia di Pupi Avati (2001)
Avenging Angelo - Vendicando Angelo (Avenging Angelo), regia di Martyn Burke (2002)
Sotto il sole della Toscana (Under the Tuscan Sun), regia di Audrey Wells (2003)
La finestra di fronte, regia di Ferzan Ozpetek (2003)
Alien vs Predator, regia di Paul W.S. Anderson (2004)
La fiamma sul ghiaccio, regia di Umberto Marino (2005)
Stasera lo faccio, regia di Alessio Gelsini Torresi (2005)
Io, l'altro, regia di Mohsen Melliti (2007)
Milano-Palermo: il ritorno , regia di Claudio Fragasso (2007)
Scusa ma ti chiamo amore, regia di Federico Moccia (2008)
Aspettando il sole, regia di Ago Panini (2008)
Ti stramo, regia di Pino Insegno (2008) - cameo
Sbirri, regia di Roberto Burchielli (2009)
15 Secondi, regia di Gianluca Petrazzi (2009) - anche produttore
Baarìa, regia di Giuseppe Tornatore (2009)
Liolà, regia di Gabriele Lavia (2009)
La bella società, regia di Gian Paolo Cugno (2009)
Scusa ma ti voglio sposare, regia di Federico Moccia (2010)
La nostra vita, regia di Daniele Luchetti (2010)
Ti presento un amico, regia di Carlo Vanzina (2010)
The Tourist, regia di Florian Henckel von Donnersmarck (2010)
Immaturi, regia di Paolo Genovese (2011)
Nessuno mi può giudicare, regia di Massimiliano Bruno (2011)
Immaturi 2, regia di Paolo Genovese (2012)


TELEVISIONE
Una storia italiana, regia di Stefano Reali - Miniserie TV (1992)
La Piovra 7, regia di Luigi Perelli - Miniserie TV (1994)
Il quarto re, regia di Stefano Reali - Film TV (1997)
La Piovra 8, regia di Giacomo Battiato - Miniserie TV (1997)
La Piovra 9, regia di Giacomo Battiato - Miniserie TV (1998)
Ultimo, regia di Stefano Reali - miniserie (1998)
Ultimo - La sfida, regia di Michele Soavi - miniserie (1999)
Distretto di Polizia - Serie TV - Episodio: L'agguato (2000) - Cameo
Il testimone, regia di Michele Soavi - Film TV (2001)
Francesca e Nunziata, regia di Lina Wertmüller - Film TV (2001)
I gioielli di Madame de, regia di Jean-Daniel Verhaeghe - Film TV (2001)
Francesco, regia di Michele Soavi - Miniserie TV (2002)
Ultimo - L'infiltrato, regia di Michele Soavi - miniserie (2004)
Attacco allo Stato, regia di Michele Soavi - Miniserie TV (2005)
Karol - Un uomo diventato Papa, regia di Giacomo Battiato - Miniserie TV (2005)
A proposito di Brian, regia di Arlene Sanford - Serie TV (2006) - U.S.A.
Nassiriya - Per non dimenticare, regia di Michele Soavi (2006) - Miniserie TV
The Company, regia di Mikael Salomon - Miniserie TV (2007) - U.S.A. - Prodotta da Ridley Scott
I Cesaroni 2, regia di Francesco Vicario - Serie TV (2008) - Guest star
Intelligence - Servizi & segreti, regia di Alexis Sweet - serie tv (2009)
Come un delfino, regia di Stefano Reali - Miniserie TV (2011)
Ultimo 4 - L'occhio del falco, regia di Michele Soavi - Miniserie TV (2011)
Come un delfino 2, regia di Stefano Reali - Miniserie TV (2012)