mercoledì 28 settembre 2011

Ruby Rubacuori. Quando le aprirono le porte in Paradiso.


50 Testate giornalistiche arrivate da ogni paese!
22 telecamere.
Il servizio andò in onda in centinaia di  telegiornali in tutto il mondo
dalla TV di Stato in Cina fino alla CNN.

Devis Paganelli - Media Relation
Slide Italia Media Partner

Ruby Rubacuori, entro per la prima volta in Paradiso.
La "papigirl", meteora ricercata dai media di tutto il pianeta...che fine ha fatto?

sabato 24 settembre 2011

Le donne più sexy del mondo

Sex Symbol. Giudizi e pregiudizi sulla bellezza Made in Italy; perché le italiane mancano nelle classifiche delle più belle, sexy e desiderabili donne del pianeta?
by Cristina Berlini Neuhaus - Slide

Secondo la rivista americana “ People”, che ogni anno si diletta a stilare la classifica degli uomini e donne più belle e sexy del pianeta, nel 2011 è incredibilmente salita sul podio una bella quarantenne, la cantante e attrice sudamericana Jennifer Lopez, che nel 2010 occupava la dodicesima posizione.
Secondo Playboy quest’anno, la palma d’oro spetta invece all’attrice di origine israeliana Natalie Portman, che sta vivendo il 2011 in modo trionfale dopo l’Oscar vinto per l’interpretazione del “Cigno Nero”, la nuova maternità e il matrimonio con Benjamin Millepied.
A proposito di italian girls, nonostante la recente rottura del fidanzamento con il famosissimo George Clooney, Elisabetta Canalis si è aggiudicata nel 2010 il settimo piazzamento nella lista della rivista Maxim, davanti a molti volti più famosi di lei negli Stati Uniti e rappresentando l’unica italiana nella lista.
Cinque invece le italiane che si sono classificate tra le cinquanta attrici più belle al mondo; il Los Angeles Time Magazine ha giudicato Monica Bellucci degna della quarta posizione quale sexy protagonista del film Malena; settimo posto per Claudia Cardinale nel Gattopardo, mentre è solo trentaduesima con il film Timbuctù Sofia Loren, l’icona del cinema femminile italiano nel mondo.
Classifiche a parte, sta di fatto che tra le donne più desiderate dagli uomini nel 2011 secondo il sito americano AskMen, che ha stilato un sondaggio grazie all’aiuto degli oltre cinque milioni di lettori online, la donna perfetta ha un'età compresa tra 22 e 32 anni, è bruna di capelli, molto meglio se attrice piuttosto che modella, non importa se priva di un titolo di studio . Infatti, solo il 20% delle donne di questa classifica hanno un diploma di scuola media superiore: da notare inoltre che la donna perfetta non ha figli.  Dal sondaggio è risultato che gli uomini hanno eletto come donna ideale, Blake Lively, la star di “Gossip Girl” e fidanzata di Leonardo Di Caprio.
Nel 1951 fu organizzato per la prima volta da Eric Morley in Gran Bretagna, quello che sarebbe diventato uno dei concorsi di bellezza più importanti del mondo insieme a Miss Universo e Miss Terra, “Miss Mondo”. Stranamente, l’Italia non ha mai vinto il titolo, ma ci è andata vicino nel 2000 quando Giorgia Palmas, ex velina e vincitrice dell’edizione 2011 del”Isola dei Famosi” è arrivata seconda.
Nato in California nel 1952, e attualmente gestito dal magnate americano Donald Trump che ne ha acquistato i diritti nel 1996, anche Miss Universo non ha mai incoronato una candidata italiana come vincitrice; eppure l’Italia è famosa per le belle donne! ( In Italia SLIDE è media partner nelle selezioni del concorso ).
Effettivamente risulta da diversi sondaggi evidente che le donne più belle del mondo stiano in ; Paesi Scandinavi al 28%, Paesi dell’est al 42%, Paesi germanici ( Germania, Svizzera, Austria ), Paesi dell’America latina 14%. Che sia per questo che il turismo maschile è più indirizzato verso i paesi dell’est e del Sud America?
Ma in quali città si possono trovare le donne più belle del mondo? Il sito Travelers Digest ha pubblicato una classifica dettagliata, con annesse le motivazioni della posizione occupata. Ed ecco che il primo posto è occupato da Stoccolma, definita città ideale per chi preferisce donne bionde alte e slanciate. Copenhagen si trova al secondo e insieme ad Amsterdam rappresenta l’amore disinibito. Al terzo Buenos Aires con le donne più sensuali che incantano ballando il tango argentino! Seguono Varna, ( Bulgaria ), Los Angeles ( California ), Mosca, ( Russia ), Caracas ( Venezuela ).
Fare una classifica di donne belle nel mondo non è assolutamente un compito facile; di donne veramente belle ce ne sono tante e diversi tabloid e riviste mondiali ne stilano continuamente a seconda del proprio gusto. Io basandomi ovviamente su donne del mondo dello spettacolo, ho deciso di proporvi la classifica di Slide paragonandola a quella di People.




SLIDE ; PEOPLE ;

1 ) Angelina Jolie 1 ) Jennifer Lopez
2 ) Adriana Lima 2 ) Reese Wihterspoon
3 ) Charlize Theron 3 ) Jessica Simpson
4 ) Monica Bellucci 4 ) Mandy Moore
5 ) Natalie Portman 5 ) Jennifer Hudson
6 ) Kim Kardashian 6 ) Katie Holmes
7 ) Elisabetta Canalis 7) Dana Delany
8 ) Mila Kunis 8 ) Ellie Kemper
9 ) Blake Lively 9 ) Sandra Bullock
10 ) Jennifer Lopez 10 ) Jennifer Lawrence
Come potete notare ho incluso nella lista due italiane amate e considerate per la loro avvenenza a livello internazionale, non per patriottismo ma perché penso che le classifiche stilate non rendano giustizia all’indiscutibile sex appeal di noi italiane!!!

Marcello Arnone, dalla recitazione alla regia

Decine di film e ora, la regia!
Marcello Arnone
L’attore amico di Slide
a cura di Francesco Principe - Slide Cosenza



Nasce il 27 Febbraio 1955 in provincia di Cosenza: è alto 1,82m e pesa 85 kg. Ha praticato diverse discipline sportive: atletica leggera, lotta libera e greco romana, palestra, rugby etc, etc. Ha studiato giurisprudenza presso l’Università di Salerno. I suoi hobby sono l'andare in moto, le escursioni in montagna, i viaggi ed ovviamente coltiva una smisurata passione per il Cinema. Ha preso parte a diversi programmi televisivi tra cui il "Maurizio Costanzo Show".

Raccontami di te. Chi è Marcello Arnone. Da dove arriva?
R: Arrivo dallo sport, mi ero costruito un fisico possente, non da culturista ma da lottatore. Così durante le riprese della fiction "Uomo contro uomo" di Sergio Sollima per la RAI, venni notato dal regista che mi offrì un piccolo personaggio, un killer chiamato l'ORSETTO. Era luglio del 1988.

Quali autori del cinema italiano sono stati i tuoi punti di riferimento all’inizio della tua carriera cinematografica?
R: Sicuramente Vittorio De Sica, Pietro Germi, Fellini, Dino Risi, e tanti altri,insomma i bravi registi del cinema Italiano ed i loro grandissimi film!

Qual’ è l’attore da cui hai tratto ispirazione?
R: Ero legato d' amicizia fraterna ad un attore bravissimo italiano, Angelo Infanti, il quale mi ha insegnato tantissimo, soprattutto ad essere un uomo umile. Poi avendo divorato tantissimi film, con attori dai quali ho attinto moltissimo , vedi Charles Bronson, Lino Ventura, e altri duri dello schermo!

Qual’ è stato il tuo ruolo più impegnativo come attore?
R: Mi sono sempre impegnato in tutti i miei lavori, a prescindere dal ruolo piccolo o grande, ma sicuramente il mio impegno più pesante è stato in " The night of the sinner" al fianco di Robert Englund, il famoso Freddy Krueger di Nightmare, per la regia di Alessandro Perrella con il quale ho lavorato in altri bei film. Molto impegno anche nel film del grandissimo Klaus Maria Brandauer, dal titolo "Mario e il mago" del 1995.

Nella maggior parte dei film, tu interpreti la figura del “duro”. Lo sei anche nella vita?
R: Nella vita normale, sono una persona tranquilla, non amo il caos e tutto ciò che può rendermi nervoso, poi dipende dalle circostanze....

Qual è stato il film di maggiore interpretazione che porti più nei tuoi ricordi?
R: Sicuramente sono alcuni film, da Mario e il mago di Brandauer, a L'Uomo della carità di Alessandro di Robilant, e sicuramente due film di Alessandro Perrella, Hell's fever, e The night of the sinner!

Ti  è mai capitato nella vita quotidiana di volerti comportare come in una scena sul set cinematografico?
R: No mai, nella vita è bene separare le due cose!

Nella tua lunga carriera, essere protagonista di gran parte di film d’azione, è stata una tua scelta?
R: Avendo la faccia che ho, il fisico possente, mi ha ritagliato spazio nei film d'azione, interpretando spesso personaggi negativi. Sinceramente a me sta bene così, che ben vengano sempre questi personaggi...

Quando ti trovi in giro per il mondo, cosa ti manca di più della tua casa in campagna, della tua Cosenza?
R: Sicuramente la mia terra, e poi i miei cari, mia figlia, il mio nipotino, l'aria che si respira da noi...e la mia motocicletta.....

Hai mai recitato in teatro?
R: Raramente, ci vuole molto impegno e tempo, in futuro forse lo farò, forse!

Se potessi ripercorrere il tuo passato, c’è un qualcosa che non faresti più?
R: Ho dei rimpianti, non ho avuto una vita sempre facile e tranquilla, tutto mi è costato sacrificio e sudore.....nulla mi è stato mai regalato, spesso ho dovuto lottare con tutte le mie forze. Ma mia figlia, la posso guardare negli occhi e guardare chiunque senza abbassare lo sguardo!!!

Quali sono gli ultimi lavori che hai fatto? Ci puoi dare un’anteprima? Cosa vedremo prossimamente?
R: Ultimamente, ho girato due film per il cinema, ed un corto. Un film del regista Tropeano Enzo Carone, dal titolo "Piacere , io sono Piero", film drammatico, dove sono un carcerato, un duro che, desidera vedere il figlio lontano dalla criminalità. L'altro film l'ho appena finito di girare in Sicilia, a Mazzarino (CL), un film ispirato ad un fatto realmente accaduto in quella zona, sui monaci di Mazzarino, che erano usurai e delinquenti, sul finire degli anni 50. Io interpreto il ruolo di Carmelo Lo Bartolo detto l'ortolano, criminale e mafioso. La regia è di Salvo Bonaffini , giovane regista siciliano. Il corto , dal titolo Un giorno come tanti, per la regia del giovanissimo Alessio Pasqua, sempre dal tema duro, è stato girato interamente a Cosenza.

Cosa c’è o cosa speri ci sia nel futuro cinematografico di Marcello Arnone?
R: Vi sono proposte molto importanti, che riguardano soprattutto il cinema anche internazionale. E non nego, la voglia di passare dietro la cinepresa, vedremo......
Un carissimo saluto ai lettori di SLIDE, e complimenti, siete grandi!

( chi segue Marcello su facebook, potrà scoprire un suo nuovo progetto ).



2010 Ottobre Briciole di speranza Franco Barca Corto
2009 Dicembre Angeli Macchiati Franco Barca Corto
2009 Novembre L'affare Bonnard Annamaria Panzera Cinema
2009 Agosto Ris 6, Ep. 13 MEDIASET
2009 Aprile Il delta del Po Marta Bifano Mediometraggio
2009 Febbraio Benvenuti al Centro Commerciale Paolo Costella MEDIASET
2009 Gennaio La nuova squadra Gianni Leacche RAI3
2008 Dicembre Lo spettro di me stesso E. Cittadino
2008 Novembre The night of the Sinner A. Perrella
2008 Ottobre La casa si luce G. Misuraca Cinema
2008 Ottobre Mare Piccolo Alessandro di Robilant Cinema
2008 Luglio Il cuore del cielo G. Misuraca Cinema
2008 Maggio Altre storie per il commissario Vivaldi Luciano Odorisio
Raiuno
2008 Febbraio El Duende G. Misuraca Cinema
2007 Settembre Grande Grosso e Verdone Carlo Verdone Cinema
2007 Maggio Il capo dei capi Enzio Monteleone e Alexis Sweet Mediaset
2007 Aprile In fuga con Marlene A. Peyretti
2006 Dicembre Gente di Mare 2 G. Serafini RAI1
2006 Novembre L'ultimo Padrino Marco Risi Mediaset
2006 Ottobre Il medico dei poveri G. Campiotti RAI1
2006 Aprile-Giugno I mille Stefano Reali RAI1
2005 Novembre Il mio miglior nemico C. Verdone Cinema
2005 Ottobre-Novembre La luna e il lago A. Porporati RAI1
2005 Luglio-Agosto L’uomo della carità A di Robilant Mediaset
2005 Giugno Onora il padre e la madre G. Lacche Rai Cinema Unistar
2005 Marzo Inferi Alessandro Perrella Cinema
2005 Febbraio Il maresciallo Rocca 5° serie 4°puntata Rai1
2004 Novembre La Squadra C. Celeste Rai3
2004 Maggio Vicino al fiume C. Marcucci Cinema
2003 Gennaio La clinica dei sogni G. Misuraca Internet
2003 Gennaio Per sempre A. di Robilant Cinema
2003 Febbraio La lettera L. Cannito Cinema
2003 Giugno Vento di ponente A. Manni Rai2
2003 Ottobre Maria si P. Livi Cinema
2003 Novembre La orca 3 G. Misuraca Internet
2002 Aprile www.maresca.it G. Gargano Mediometraggio
2001 Gennaio Padre Speranza R. Deodato(Diotallevi) Rai1
2001 Aprile Il canto dei patrioti G. Sole (Cap. R. Piccolo)


Mediometraggio
2000 Febbraio Giudice di rispetto B. Mattei e W. Toschi (R: Tarallo)

Cinema
2000 Maggio Turbo 2 A. Bonifacio Rai2
1999 Giugno Cronaca di un ricatto D. Massi Rai2
1999 Settembre Il conte di Melissa M. Anania Cinema
1999 Ottobre La voce del sangue A. di Robilant Rai1
1999 Ottobre Linda e il brigadiere (Ep. Ladro di polli) Rai1
1998 Agosto Il commissario Raimondi P.Costella Canale 5
1997 Febbraio La piovra G. Battiato Rai1
1997 Luglio Tra Scilla e Cariddi D. Casile Cinema
1997 Settembre Odi et amo M. Anania Cinema
1997 Ottobre La piovra 9 G. Battiato Rai1
1996 Novembre Buck e il braccialetto magico T. Ricci Mediaset
1995 Settembre Positano V. Sindoni Rai 1
1994 Dicembre Non parlo più V. Nevano Rai2
1993 Gennaio Francisco de Paula G. Sole Cinema
1993 Settembre Mario e il mago K. M. Brandauer Cinema
1991 Marzo Il bambino in fuga 2 M. Caiano Rai2
1991 Maggio Angeli a sud M. Scaglione Cinema
1991 Agosto Malizia 2000 S. Samperi Cinema
1991 Settembre La corsa dell’innocente C. Carlei Cinema
1991 Ottobre Liberate mio figlio R. Malenotti Rai1
1990 Gennaio Il padrino 3 F. F. Coppola Cinema
1990 Febbraio Il gorilla di Amazzonia D. Tessari Rai2
1990 Marzo Prigioniera di una vendetta V. Sindoni Canale 5
1989 Gennaio L’ultimo viaggio di roberta Rai3
1988 Luglio Uomo contro uomo S. Sollima Rai1

BEPPE GRILLO : Il suo ultimo spettacolo - la recenzione

Beppe Grillo is back”
Sold Out per il comico genovese: “E’ l’ ora della rivoluzione”
Ai sardi: “siete i pastori più incazzati d’Europa”
di Alessandra Mura - Slide Sassari


C’era da aspettarselo che Beppe Grillo sparasse a zero sul sistema politico economico e finanziario, ma ha fatto di peggio: munito di spray antizanzare, ha mitragliato il pubblico disinfettando da ogni possibile contaminazione. Ne aveva per tutti il comico genovese, che da cinquant’anni, racconta alla gente le malefatte dello stato, scoperchiando i pentoloni che bollono e spogliando di saggezza chi ci governa.
Sold out all’Anfiteatro Ivan Graziani ad Alghero. Le due tappe organizzate da Sardegna Concerti e Zed Entertainment, hanno doppiato il successo invernale del comico genovese, che ama la terra sarda da sempre e alla quale ha lanciato un grido disperato: “Voi siete gli uomini più fortunati del mondo: avete tutto, avete il porceddu, il pane carasau, l’olio, il mare e il sole.. chi ve lo fa fare a rompervi i coglioni con il polo chimico e la bauxite? “Anche le zanzare non sono di qui -ha sottolineato Grillo provocando il pubblico- quelle sarde ti danno una testata prima di lasciarti un echimosi dolorosa”. E tra una risata e l’altra, davvero non c’era nulla da ridere. Nemmeno l’ex governatore Soru e l’attuale Presidente Cappellacci sono stati risparmiati dalla scure verbale del rivoluzionario: il primo è stato cacciato non dalla destra ma dalla stessa sinistra. Il secondo non è ne buono ne cattivo ma fa quello che gli dicono di fare.
E intanto Grillo continua: “i sardi saranno spazzati via da uno tsunami di casini: Porto cervo ha aumentato il cubaggio di cemento ma persino gli ombrelloni vip sono in crisi, la protesta dei pastori non è nemmeno sbarcata a Civitavecchia perché le forze di polizia li hanno bloccati prima; a Porto Torres arrivano le navi cariche di pecore rumene e per finire addirittura vi fate scippare il vento e il sole dalle multinazionali”.
Insomma, quello che ha descritto Grillo non è uno scenario esaltante della Sardegna, ma la verità è che poco si è fatto e si sta facendo per restituire dignità ad una terra che potenzialmente potrebbe diventare un isola felice grazie alle risorse ambientali che possiede.
Una critica bisogna fargliela, le poche parole in sardo che ha detto sembravano più delle parolacce mal pronunciate, ma anche quelle sono servite per far divertire il pubblico. Risate su risate, ma a dire il vero, l’indignazione ha superato il limite quando Grillo ha presentato al pubblico le spese dello Stato. Certo che fa indignare sentire parlare di un operaio che aspetta più di due anni per avere il TFR con il quale si pagherà il mutuo di casa, e la politica perde tempo a spartirsi il numero delle poltrone; ma fa ancora più indignare sapere che al Quirinale sono stipendiati 63 operai manutentori più 115 giardinieri mentre a Bakingam Palace sono stipendiati 15 operai. E il commento di Grillo, ripulito dalle virgole per non rendere il nostro articolo troppo scurrile è stato: E che caspita di giardino hanno al Quirinale per impegnare più di 115 giardinieri? E rimanendo all’interno del palazzo della Politica, cosa ne dite del personale di polizia al loro servizio?
Diamo i numeri che ha pubblicato Grillo: 1850 sono gli uomini addetti alla sicurezza, contro la metà al servizio di Sarkozy e circa 160 della Merkel. Pochi i commenti, se le cifre corrispondono a realtà.
Numeri che fanno rabbrividire come fanno rabbrividire tutti quei giornali che vengono rimborsati dei costi delle copie non vendute. Parliamo di migliaia e migliaia di euro che vengono rimborsati ai giornali di partito e non stiamo qui a nominarli perché possiamo arrivarci da soli, ma una cosa è certa: l’Italia sanguina come è stato dichiarato più volte dai vertici del Palazzo del Quirinale, ma sanguina perché siamo arrivati ad un punto di non ritorno. Oggi le banche sono indebitate fino al collo e la disoccupazione regna sovrana, non manca niente per arrivare al tracollo e riprendere in mano la zappa. E allora Grillo non esita a richiamare il pubblico: Cosa abbiamo da perdere? La rivoluzione è già iniziata e lo stato non può più rispondere alle esigenze degli italiani.
Forte, fortissimo l’impeto con il quale Beppe Grillo, a sessant’anni suonati, comunica le sue battaglie. Se i suoi avvocati non ricevono una querela nell’arco di 24 ore lo chiamano chiedendo se è ancora vivo, e questo ci fa capire l’esatta tempesta che si scatena ogni qual volta pronuncia i nomi sbagliati. La sua è una battaglia pacifica, ma nostro parere anche un po utopistica. Rifare la costituzione? Il popolo ne è capace? A voi la sentenza.

Slide intervista : EZIO GREGGIO

Avatar? : “Una cagata pazzesca!”
Slide intervista EZIO GREGGIO
Per voi divento Harry Sfotter”
di Tommaso Torri - Slide


Non smentisce mai la sua fama di simpatico mattatore ed è capace di calamitare l’attenzione e i complimenti del pubblico tanto che, appena arrivato al parco di Oltremare a Riccione, è stato subito accolto da una folla di ammiratori. Ezio Greggio, lasciata la première della 68° Mostra del Cinema di Venezia, è sbarcato nel parco riccionese per presentare l’anteprima nazionale del suo film “Box office 3D – Il Film dei Film” insieme a una parte del cast. Già dal pomeriggio era arrivato a Oltremare l’attore Enzo Salvi che si è cimentato in una “comparsata” nello spettacolo del volo dei rapaci e dei delfini; alle 18.00 sono poi arrivati Giorgia Wurth, Anna Falchi, Gianni Fantoni e l’attesissimo Ezio Greggio preso subito d’assalto da numerosi ammiratori che hanno sgomitato non poco per strappare una foto e un autografo al popolare conduttore di Striscia la Notizia.

Ezio, la première è stata un successo di pubblico e di critica: te lo aspettavi?
Quello di Venezia è stato un exploit che rimarrà nella storia della Mostra dal momento che abbiamo avuto una standig ovation ininterrotta di ben 6 minuti entrando così nella top ten dell’evento. Credo che in tutta la storia della Mostra di Venezia sia stata la prima volta che un film comico venisse accolto in questa maniera. Il miracolo non è che Ezio Greggio apra Venezia, ma che accada con una commedia, genere che fino a poco tempo fa non si filava nessuno.

Il film ti vede nella triplice veste di produttore, attore e regista: com’è stato il ritorno dietro alla macchina da presa?
Ero appena tornato in forma dopo l’esperienza di 10 anni fa ma, questa, è una fatica che si fa più che volentieri soprattutto se si recita con gli amici. Ci siamo divertiti tutti moltissimo a prendere in giro le pellicole americane tanto che Muller, direttore della Mostra, ha creduto subito nel nostro progetto scegliendo il film per aprire la 68° edizione nonostante, un po’ di tempo fa, Striscia la Notizia gli ha consegnato un Tapiro d’Oro. A parte questo, adesso non so proprio come, dopo aver visto il nostro film, gli altri possano apprezzare Clooney!.

Ci puoi raccontare qualcosa del film?
La pellicola ha avuto quattro milioni e mezzo di budget, girato tutto in 3D, il film è una sequenza di esecuzioni di classici Usa vecchi e nuovi. È come sedersi in un multisala dove è permesso passare da un film all’altro: c’è “Viagratar”, ambientato sul pianeta Panduro, dove cresce un’erba selvatica che permette agli abitanti di dilettarsi con un rito chiamato bunga bunga. Poi “La leggenda di Zoppo”, “Harry Sfotter”, “Il codice gratta e Davinci”, “Corri fast che sono furius”, “Twinight”, storia d’amore tra Bellabimba e Pallidone e tanti altri.

Nel film recita anche Anna Falchi: con il 3D non è difficile immaginare cosa verrà valorizzato con la terza dimensione.
E invece ti sbagli: mi sono preso il lusso di evitare certe pecorecciate. È uno dei motivi per cui rifiuto da anni i film di Natale. Ad Aurelio De Laurentiis lo dico sempre: partecipo, ma solo se mi fai scrivere la mia parte, senza volgarità. Finché lui mi dirà no, resterò fuori.

Qual è il film che hai preso in giro più volentieri?
Avatar: una fetecchia colossale. Una specie di storiella di indiani mal riuscita col comandante cattivo e gli aborigeni scemi. Posso citare Fantozzi? Una cagata pazzesca.

Citerebbe Fantozzi anche riguardo a Harry Potter?
Quello è girato meglio, per quanto vedere i protagonisti che invecchiano risulta sempre involontariamente comico. Nella parodia faccio la parte di Harry Sfotter, ripetente cinquantenne che si ritrova a Hogwarts insieme a Erniona, interpretata da Anna Falchi, e Ronf, uno strepitoso Antonello Fassari coi capelli rossi. Spassosa anche l’irruzione di Frodolo, il signorino degli anelli, col suo assistente juventino: Gobbum.

Tra i camei figurano quelli di Bruno Pizzul e Aldo Biscardi. Calciatori ne avresti voluti?
Premessa: da juventino posso dire che il calcio e i suoi veleni mi hanno stancato. Insieme a Iacchetti, noto interista, dai microfoni di Striscia quest’inverno lanceremo una campagna di pacificazione tra tifosi bianconeri e nerazzurri: loro si tengono lo scudetto sulle maglie, noi quello morale. Detto questo, sì, ci ho provato disperatamente. Ho inseguito Mario Balotelli per mesi, ma chi ne cura gli interessi è terrorizzato dall’idea di fargli compiere passi sbagliati, e non se n’è fatto nulla.


All’anteprima nella Perla Verde non poteva mancare, come madrina d’eccezione e padrona di casa, la riccionese Anna Falchi che ha sottolineato come il film abbia “voluto promuovere il made in Italy anche con gli uomini: infatti Ezio è molto meglio di George! Questo è il primo film italiano in 3D: vogliamo dare del filo da torcere agli americani; il cinema nostrano deve puntare su questi pop corn movie e questo è un buon modo per promuoverli. Certo, non è stato facile per noi attori, dal momento che dovevamo fare tutto due volte, però Ezio, come regista, è stato bravissimo”.

domenica 4 settembre 2011

Miss Slide Salerno 2011

Eboli. Grande successo di pubblico e di critica per il concorso “Miss Slide Salerno 2011” che si è tenuto lo scorso 30 agosto nella suggestiva cornice del ristorante “Bue Rosso” ad Eboli, una cittadina della Valle del Sele, in provincia di Salerno. A promuovere l’evento il magazine Free Press n.1 in Italia per diffusione, Slide Italia. I preparativi per la scelta della miss più rappresentativa per Slide Salerno sono partiti qualche settimana prima, quando Giancarlo Presutto, direttore Slide Salerno- Campania, insieme a Maria Teresa D’Arco, direttore artistico dell’evento, hanno pensato di mettere su non una sfilata di moda, ma un vero e proprio spettacolo, fatto di divertimento, ironia, bellezza e simpatia, il tutto contornato da una struttura incantevole ed accogliente, quella, appunto del Bue Rosso e della sua piscina, per l’occasione piena di candele e di petali di fiori. Le 24 ragazze, provenienti da tutta la provincia, sin dal primo pomeriggio sono giunte nella struttura per provare tutte le uscite, in bikini, sportive oppure in tenuta elegante, sotto la vigile e attenta direzione di Maria Teresa che ha curato tutte le coreografie, lei stessa infatti ha sfilato per i più grandi nomi della moda italiana ed internazionale. “Un plauso sincero lo rivolgo alle ragazze, si sono impegnate seriamente ed hanno dimostrato grande maturità, affrontando la passerella con determinazione e coraggio. 
Sono fiera dei risultati che hanno raggiunto. Ragazze semplici, ma con grande entusiasmo e passione per ciò che fanno. Per tutto il pomeriggio sotto un sole cocente, hanno provato e riprovato le coreografie e le uscite fino a quando non erano tutte sicure di averle memorizzate, quasi come se fossero modelle di professione. I risultati ci hanno dato ragione.” – ha dichiarato la D’Arco. A condire con un po’ di pepe e un pizzico di ironia il tutto, i due presentatori Rosaria Sica e Alfonso Paoletta. Il lavoro più difficile però è spettato alla giuria, che ha dovuto esprimersi sulle ragazze, tutte belle e motivate. Una giuria di tutto rispetto: Devis Paganelli, direttore editoriale di Slide Italia, Flavia Vento, Marika Fruscio, Giancarlo Presutto, Antonio Inverso della Gioielli Alexander, Marcus Pace del Marchio Nati in Italia, Rosa Manna esperta di estetica, Ludovica Iervolino, Miss Cinema Slide al concorso Miss Universo Italy, Emilio Cicalese di Ecm Communication, Marilena La Corte, ex modella. Una gara che ha portato sul podio Anna Petrillo col titolo di Miss Slide Salerno 2011, Erika Del Pizzo che ha conquistato la fascia di Miss Slide Eleganza e Rita Apicella che si è aggiudicata quella di Miss Slide Sorriso. Le tre vincitrici saranno testimonial di Slide Salerno. Anna Petrillo, appena indossata la corona ha esclamato: “Sono felicissima. Non credevo di riuscire nemmeno a raggiungere il podio, figuriamoci il posto più alto, mi sembra un sogno, quasi non ci credo. Per me è una piccola grande vittoria. Grazie a chi ha creduto in me”. Una giuria intera ha creduto in lei, un premio meritato, come tutti i premi assegnati, ma anche tutte le altre avevano quel qualcosa in più. Tutte avranno la possibilità di partecipare a eventi e manifestazioni organizzate da Slide Salerno, nel frattempo hanno avuto l’occasione di vivere per una sera la magia di sentirsi protagoniste di un evento come Miss Slide Salerno. “Sono felice della magica serata – ha dichiarato Giancarlo Presutto – l’evento Slide ha lasciato il segno per la professionalità e la serietà di tutti coloro che sono stati coinvolti nel progetto, enorme è la mia soddisfazione per le ragazze vincitrici ed anche per le altre 21 in gara. Non è stato semplice organizzare tutto in pochissimo tempo, ma con la passione e la professionalità siamo riusciti nel nostro intento”. 

Uno dei momenti più attesi è stato quello dell’intervento delle due showgirl Marika Fruscio e Flavia Vento che, con simpatia e semplicità, si sono prestate a rispondere alle domande dei presentatori, dimostrando grande carisma e una forte autoironia. “Sono davvero belle le ragazze che stanno sfilando, anche se ritengo che bisognerebbe anche sentirle parlare, la bellezza è a tutto tondo e comprende anche la sfera personale”- ha dichiarato la Fruscio. “Ci sono tanti progetti professionali che mi attendono, ma per scaramanzia, preferisco non parlarne ancora. Mi piace questa zona, ci vengo e adoro le persone che vivono qui” – ha detto Flavia Vento. Una coppia che ha destato l’attenzione e la curiosità del pubblico presente, attento e presente per tutto il corso dell’evento. Un intermezzo musicale di grande impatto e di grande emozione è stato regalato dalla voce del cantante pop Luca Tartaglia che ha presentato il suo ultimo cd “Campi di Grano”, anche in questo caso i presenti sono stati rapiti dalla musicalità dell’artista e dalla profondità dei testi. Una grande festa, insomma, che ha colpito tutti, dai più grandi ai più piccoli, vivendo una serata in compagnia di amici, cenando o bevendo un cocktail. “Faccio i compimenti a tutta l’organizzazione – ha dichiarato il direttore Devis Paganelli -, tutto è stato curata in ogni dettaglio, dalla location, alla selezione delle ragazze, alla musica, alla comunicazione, alla scelta degli ospiti. L’accoglienza è stata perfetta, sicuramente ripeteremo l’esperienza anche in futuro”. La comunicazione dell’evento è stata curata da Goi Comunicare, le foto della serata sono state abilmente scattate da Marco Baraldi e Lino Lolli. Molte ragazze dopo la proclamazione, per scaricare la tensione e per rinfrescarsi dopo tutto il calore della giornata, hanno pensato bene di fare un gran tuffo in piscina, sotto lo sguardo invidioso di quanti avrebbero voluto fare lo stesso, ma non potevano. Dopo lo spettacolo in molti si sono fermati a cena al Bue Rosso ad assaggiare i prodotti dell’eccellenza campana, come la mozzarella di bufala e le carni selezionate accuratamente dal proprietario Angelo Madaio. Non sono mancare risate e tante foto con le vip.






FOTO DI LINO LOLLI