domenica 3 luglio 2011

Miss Universo Italy 2011

ATTENZIONE, SICURI CHE E' TUTTO IN REGOLA?





La piazza del Soccorso di Forio d’Ischia ha cominciato a riempirsi già al calare della luce del giorno ed era praticamente gremita quando è iniziata la serata che ha incoronato Miss Universe Italy 2011 ; in un unico colpo d’occhio si poteva ammirare un panorama tra i più belli al mondo e un pubblico entusiasta.


La serata, condotta in maniera spigliata e divertente da Beppe Braida ed Eleonoire Casalegno, è iniziata con la presentazione delle 40 ragazze finaliste che hanno sfilato in costume da bagno.
Subito dopo i due conduttori hanno comunicato i nomi delle 30 candidate selezionate dalla giuria tecnica che le ha seguite durante il periodo del soggiorno ischitano ed hanno potuto farsi un’idea precisa di ognuna di loro.
Alla giuria tecnica, per serata finale, è stata affiancata una “giuria di qualità” presieduta da Nina Moric e composta, tra gli altri, da Devis Paganelli Direttore di Slide Italia, Lory Del Santo, Veridiana, il Premio Oscar Osvaldo Desideri, l’antropologo della mente Alessandro Bertirotti. Tra la giuria di qualità c’era ( o almeno avrebbe dovuto esserci ) anche una sedia vuota: era un simbolo che stava ad indicare “le miss”, infatti (per la prima volta in una manifestazione del genere) è stata data anche alle candidate la possibilità di esprimere il loro voto.
I passaggi delle candidate si sono alternati a momenti di spettacolo che hanno visto l’esibizione di Francesco Paolantoni con 10 minuti di deludente comicità ( nessuno rideva, tranne lui ) , Carmen Masola ( vincitrice di Italia's go Talent  )  , Tony Esposito , James Senese.
Nel corso della serata, oltre alla fascia di “Miss Universe Italy” consegnata alla fine, è stata assegnata anche la Fascia Miss Slide per il Cinema assegnata a Ludovica Iervolino.


Sul piano delle gara dopo la passerella fatta dalle 30 candidate, il gruppo si è ancora assottigliato e sono state selezionate 10 ragazze che hanno sfilato in abito da sera; da queste sono state chiamate in passerella le cinque finaliste. 
La tensione dicono alcuni articoli ( appoggiati? )  è salita al massimo quando sono rimaste in gara solo due ragazze: Fiorella Dominici ed Elisa Torrini; si può immaginare il batticuore delle due nell’attesa che arrivasse il verdetto finale ( che apparentemente per il nostro Presidente Devis Paganelli sembrerebbe essere stato scontato per diversi motivi ) ; che, dopo qualche secondo di attesa, finalmente è arrivato: la ragazza che rappresenterà l’Italia a San Paolo del Brasile il prossimo 12 settembre è una laziale nata nel 1989, è la numero 35, Elisa Torrini.
I festeggiamenti, iniziati in piazza, sono durati fino a notte fonda nell’Oasis Club.

Nel backstage alcuni licenziatari urlavano "E' tutta una farsa".
Sarà forse perché la Patron Silvia Bianculli, già seguita da Moreno Morello di Striscia la Notizia per altre questioni relative a questioni teatrali, ha dato a che pensare ( proprio per queste cose ) che qualcosa potesse non quadrare, quando la Miss è stata eletta senza che le schede di votazioni fossero ritirare dai giurati.

Non a caso Nina Moric ha subito dichiarato "non sempre vince la più bella".
La messa in onda tanto ventilata su Italia 1, non è mai avvenuta e il video è addirittura scomparso.
Vincenzo Iannone, compagno di Silvia Bianculli, già seguito da Moreno Morello di Striscia e a quanto pare anche querelato da Vittorio Sgarbi qualche anno fa, è sparito nel backstage durante tutta la manifestazione.


Che dire poi per il fotografo dell'evento, che sembrerebbe non aver concesso lo sfruttamento delle foto scattate ( qualcuno sa i motivi? ce li faccia sapere.


Incredibile poi, la questione di molte personalità presenti che si sono dovuti pagare taxi e spese di trasporto, perché l'organizzazione sembrava fare orecchie da mercante.
L'organizzazione poi, non ne parliamo. Tutto un programma.



Bravi bravi bravi i conduttori. Hanno fatto miracoli. Grazie alla professionalità di Elenoire Casalegno e alla disponibilità affettuosa e umile di tutte le finaliste, alla fine, la grande disorganizzazione, i disordini apparenti e le promesse non rispettate sotto vari  aspetti da parte dell'organizzazione, hanno reso la finale accettabile e anche divertente, anche nella mezz'ora di BUIO, per la mancanza di un generatore.....( evviva il Direttore Artistico che pensa a tutto ).


Marco Bartolini
Team Slide