giovedì 28 luglio 2011

Remember? Luminal di MILANO sequestrata!

ARTICOLI D'ARCHIVIO

LE DISCOTECHE CHE RICICLANO DENARO SPORCO!
( tratto integralmente da : 
http://www.newsbox.it/news/?id=9200 )

GDF OPERAZIONE ''SINKING'': ARRESTATE 23 PERSONE
 
I finanzieri del Comando Provinciale di Milano hanno arrestato 23 persone per associazione a delinquere, truffa alle banche, frode fiscale, riciclaggio e bancarotta fraudolenta. Sequestrate anche due note discoteche milanesi: il "Karma - Borgo dei Sensi" e il "Luminal Square".
I provvedimenti restrittivi sono arrivati a conclusione di un'articolata indagine di polizia giudiziaria condotta dalle Fiamme Gialle e coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano.
L'attività ha stroncato un'organizzazione criminale che a partire dal 2007 ha messo a segno 4 truffe in danno di primarie banche nazionali, tra le quali anche Unicredit, Banca Popolare di Lodi e Ubi-banca Popolare di Bergamo, vedendo spesso coinvolti funzionari delle stesse negli illeciti, con un bottino di oltre 30 milioni di euro; un quinto tentativo, con danno stimato in 2,5 milioni di euro, è stato sventato grazie all'intervento dei finanzieri.
I responsabili dell'associazione a delinquere, una volta acquisita la fiducia dell'istituto di credito scelto come obiettivo, presentavano allo sconto assegni bancari, che risultavano poi "scoperti", documentati da fatture false emesse da società "di comodo", al fine di ricevere anticipi (reali) sui pagamenti (falsi).
I contanti così ottenuti, sono entrati in un vorticoso giro di bonifici, transitando talvolta anche su banche estere, in modo da impedirne la possibilità di individuazione e di recupero.
Le enormi disponibilità di denaro, anche contante, sottratte agli istituti di credito sono state utilizzate per l'acquisto di diversi immobili di lusso, prestigiosi esercizi commerciali quali le discoteche "Luminal", "Capanna dello Zio Tom" e Karma - Borgo dei Sensi" di Milano, auto di lusso del valore di diverse centinaia di miglia di euro come Bentley e Porsche e numerose società, tutti beni posti sotto sequestro dai militari.
E' stata anche scoperta una consistente frode fiscale nel campo del beverage, specialmente champagne: società fasulle, intestate a prestanome, hanno emesso fatture per operazioni inesistenti per circa 80 milioni di euro, con conseguente evasione di iva per oltre 16 milioni.
Ciò, oltre a portare un notevole danno all'erario, ha ingenerato una forte distorsione del mercato, tenuto conto che i prezzi praticati, a causa della colossale frode, erano nettamente inferiori.
Molte delle società utilizzate per la commissione degli illeciti sono fallite nel corso delle indagini e per questo i vari amministratori sono chiamati a rispondere anche di bancarotta fraudolenta.
Nel complesso sono stati posti sotto sequestro 26 immobili (tra cui l'intero complesso costituente la discoteca Karma - Borgo dei Sensi), terreni, quote sociali di 18 società (comprese quelle che hanno gestito nel tempo le discoteche Luminal e Shocking), disponibilità bancarie per alcuni milioni di euro, denaro contante, cambiali e 18 automezzi.
La discoteca Karma-Borgo dei Sensi è stata sottoposta a sequestro, con apposizione di sigilli.
Il valore complessivo dei beni sequestrati supera i 50 milioni di euro.

martedì 26 luglio 2011

PR di Rimini nel mirino della Polizia!

Era nell'aria da tempo.
Si occupa della questione il nostro Direttore Editoriale Devis Paganelli, da ben due anni. "State attenti ragazzi, le cose non si fanno così. Come gestite ora le prevendite è tutta evasione fiscale ( dei PR? ) , con una serie di altri innumerevoli illeciti, dalla distribuzione di materiale pubblicitario non autorizzato, al lavoro nero, allo sfruttamento di lavoro minorile, all'intralcio del traffico, alla non autorizzata occupazione del suolo pubblico, allo svolgimento di attività senza licenza o partita iva, ecc ecc".

Ma tutti hanno fatto finta di non sentire e non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Oggi la Polizia, anche per diverse segnalazioni arrivate sembra, proprio da quei ragazzi su strada,  che senza alcun sostegno contributivo e senza contratto, con orari e direttive subordinate, ha iniziato ad occuparsi della questione.
Le riserve sull'aspetto irregolare sotto l'aspetto fiscale, sono state sollevate proprio dalla stessa Polizia che per ora ha solamente sanzionato alcuni  PR per diffusione non autorizzata di materiale pubblicitario.
Ma questo è sicuramente solo un avvertimento ai locali, per rendere noto che qualcuno sta monitorando? I furbi si adopereranno per mettersi in regola, gli altri ( quelli che CREDONO di essere furbi ma non lo sono ), magari proprio quelli che cambiano società di gestione di anno in anno, si disinteresseranno delle irregolarità e lasceranno che  i controlli facciano il loro corso.
Da quanto emerge dall'articolo apparso su IL NUOVO QUOTIDIANO DI RIMINI, proprio oggi, la POLIZIA avrebbe dichiarato che quei ragazzi per strada, svolgono in maniera irregolare, l'attività di diffusione di materiale promozionale.
Ma nella realtà non è così!
L'attività svolta è quella di prevendita. Infatti, i "PR" vendono i biglietti ai potenziali clienti e guadagnano infatti non facendo promozione ma guadagnano una percentuale di circa 2 euro, per ogni biglietto venduto. L'attività svolta è quella di commercio e quindi considerabile dalle fiamme gialle, quale evasione totale. Oltre questo, in alternativa o a suffragio della precedente attività illecita, le persone che lavorano in strada, operano in maniera subordinata ( hanno precisi orari da rispettare e verrebbero sembra,  richiamati spesso all'ordine )

A Rimini esistono staff che notoriamente operano in più locali contemporaneamente. Su internet sono decine gli staff composti da persone che in parte vendono biglietti per le serate nei locali per guadagnare e da altri che si accontentano dell'ingresso e drink omaggio ( è comunque un lavoro, seppur pagato in ingressi o drink ). Su facebook ci sono staff  di PR che contano centinaia di iscritti



Le fiamme gialle a parere di chi si adopera nell'informazione, sarebbero già al lavoro sul tema PR. Si pensi che per ogni biglietto venduto, il locale riconoscerebbe in media alla struttura PR, un totale di ben 5 euro, che con un sistema piramidale, vengono distribuiti a tutti i collaboratori ( capo staff, capo pr, pr, collaboratore ). Per eludere l'evasione, spesso sono gli stessi PR che si trattengono l'importo dal biglietto pre/venduto in strada. In questo modo l'evasione è del PR e non del locale!

Che da quest'anno si possa rivoluzionare la gestione dei lavoratori della notte? Emergerebbero forse  grosse cifre che in nero, ogni anno, che vengono evase per sostenere, nella grande maggioranza dei casi, proprio gli staff di PR!

La stampa locale di Rimini si è occupata del fenomeno proprio oggi : http://ww8.virtualnewspaper.it/rimini/books/110726rimini/#/9/

venerdì 22 luglio 2011

LA CLASSIFICA DISCOTECHE di SLIDE ITALIA / RIMINI

ATTENZIONE : LA CLASSIFICA AGGIORNATA 2015 è QUI : 
http://www.slideitalia.com/2015/07/classifica-discoteche-rimini-migliore.html

Classifica 2013

Slide Italia, esce ad agosto con uno speciale pocket. Formato più piccolo, grammatura più leggera e quantità di diffusione quadruplicate.
Tra i contenuti la classifica dei locali riminesi, stilata dal Direttore Editoriale Devis Paganelli.
La classifica è frutto di opinioni personali del medesimo direttore.



DISCOTECHE COMMERCIALI/TENDENZA
1) Altromondo Studios ( RIMINI )
2) Baia Imperiale ( GABICCE )
3) Cocoricò ( RICCIONE ALTA )
4) Peter Pan ( RICCIONE ALTA )



DISCOTECHE FASHION
1) Pineta Luxe ( MILANO MARITTIMA )
2) Villa delle Rose ( RICCIONE ALTA )
3) Villa Papeete ( MILANO MARITTIMA )
4) Byblos ( MISANO MONTE )



DISCOTECHE BEACH
1) Hakuna Matata ( RICCIONE MARANO )
2) Beach Cafè ( RICCIONE MARANO )
3) Gotha ( RIMINI )
4) BBK ( MARINA DI RAVENNA )

mercoledì 6 luglio 2011

SLIDE ITALIA, Milioni di contatti, OGNI MESE!

Nessun dubbio, SLIDE è il n.1
Genera milioni di contatti, attraverso tutti gli strumenti promozionali collegati al Team Slide.
Trasmissioni televisive, trasmissioni radiofoniche, eventi, magazine gratuiti, portali internet, servizi di telefonia.
Un caso editoriale. Il caso editoriale!
Anche la tua azienda può farne parte. SLIDE, se non ci sei, NON ESISTI.
  
  
  

martedì 5 luglio 2011

MissLife il portale dei Concorsi di bellezza!

DIVENTA TU LA PROSSIMA MISS PRINCIPESSA D'EUROPA : www.principessadeuropa.it

Bellissimo, anzi comodissimo! Per le ragazze che desiderano, con un unico portale, trovare tutte le informazioni relative ai concorsi di bellezza più importanti ( e anche quelli meno noti ), possono usufruire di questo servizio bene organizzato e di facile consultazione.
Con qualche semplice click si possono raggiungere le schede di iscrizione, visionare i regolamenti, prendere nota delle date e dei luoghi in cui presenziare per partecipare a tutte le selezioni.

La struttura del sito è intuitiva e la grafica minimale per semplificare la navigazione. Chi ha ideato questo portale può contare sui nostri complimenti, sia per l'intuizione per un servizio utile e di sicuro e sempre maggiore interesse per questo genere di iniziative.
Coloro che organizzano invece eventi relativi a concorsi di bellezza e casting sempre vicini a questo settore, possono iscrivere la propria iniziativa dall'area a questi riservata.
Complimenti da SLIDE!

Devis Paganelli ospite al Lingotto (TO) con Marika Fruscio

Devis Paganelli, ospite al Lingotto (TO) per le selezioni locali di Miss Reginetta d'Italia.
Insieme a lui, Marika Fruscio.



domenica 3 luglio 2011

Miss Universo Italy 2011

ATTENZIONE, SICURI CHE E' TUTTO IN REGOLA?





La piazza del Soccorso di Forio d’Ischia ha cominciato a riempirsi già al calare della luce del giorno ed era praticamente gremita quando è iniziata la serata che ha incoronato Miss Universe Italy 2011 ; in un unico colpo d’occhio si poteva ammirare un panorama tra i più belli al mondo e un pubblico entusiasta.


La serata, condotta in maniera spigliata e divertente da Beppe Braida ed Eleonoire Casalegno, è iniziata con la presentazione delle 40 ragazze finaliste che hanno sfilato in costume da bagno.
Subito dopo i due conduttori hanno comunicato i nomi delle 30 candidate selezionate dalla giuria tecnica che le ha seguite durante il periodo del soggiorno ischitano ed hanno potuto farsi un’idea precisa di ognuna di loro.
Alla giuria tecnica, per serata finale, è stata affiancata una “giuria di qualità” presieduta da Nina Moric e composta, tra gli altri, da Devis Paganelli Direttore di Slide Italia, Lory Del Santo, Veridiana, il Premio Oscar Osvaldo Desideri, l’antropologo della mente Alessandro Bertirotti. Tra la giuria di qualità c’era ( o almeno avrebbe dovuto esserci ) anche una sedia vuota: era un simbolo che stava ad indicare “le miss”, infatti (per la prima volta in una manifestazione del genere) è stata data anche alle candidate la possibilità di esprimere il loro voto.
I passaggi delle candidate si sono alternati a momenti di spettacolo che hanno visto l’esibizione di Francesco Paolantoni con 10 minuti di deludente comicità ( nessuno rideva, tranne lui ) , Carmen Masola ( vincitrice di Italia's go Talent  )  , Tony Esposito , James Senese.
Nel corso della serata, oltre alla fascia di “Miss Universe Italy” consegnata alla fine, è stata assegnata anche la Fascia Miss Slide per il Cinema assegnata a Ludovica Iervolino.


Sul piano delle gara dopo la passerella fatta dalle 30 candidate, il gruppo si è ancora assottigliato e sono state selezionate 10 ragazze che hanno sfilato in abito da sera; da queste sono state chiamate in passerella le cinque finaliste. 
La tensione dicono alcuni articoli ( appoggiati? )  è salita al massimo quando sono rimaste in gara solo due ragazze: Fiorella Dominici ed Elisa Torrini; si può immaginare il batticuore delle due nell’attesa che arrivasse il verdetto finale ( che apparentemente per il nostro Presidente Devis Paganelli sembrerebbe essere stato scontato per diversi motivi ) ; che, dopo qualche secondo di attesa, finalmente è arrivato: la ragazza che rappresenterà l’Italia a San Paolo del Brasile il prossimo 12 settembre è una laziale nata nel 1989, è la numero 35, Elisa Torrini.
I festeggiamenti, iniziati in piazza, sono durati fino a notte fonda nell’Oasis Club.

Nel backstage alcuni licenziatari urlavano "E' tutta una farsa".
Sarà forse perché la Patron Silvia Bianculli, già seguita da Moreno Morello di Striscia la Notizia per altre questioni relative a questioni teatrali, ha dato a che pensare ( proprio per queste cose ) che qualcosa potesse non quadrare, quando la Miss è stata eletta senza che le schede di votazioni fossero ritirare dai giurati.

Non a caso Nina Moric ha subito dichiarato "non sempre vince la più bella".
La messa in onda tanto ventilata su Italia 1, non è mai avvenuta e il video è addirittura scomparso.
Vincenzo Iannone, compagno di Silvia Bianculli, già seguito da Moreno Morello di Striscia e a quanto pare anche querelato da Vittorio Sgarbi qualche anno fa, è sparito nel backstage durante tutta la manifestazione.


Che dire poi per il fotografo dell'evento, che sembrerebbe non aver concesso lo sfruttamento delle foto scattate ( qualcuno sa i motivi? ce li faccia sapere.


Incredibile poi, la questione di molte personalità presenti che si sono dovuti pagare taxi e spese di trasporto, perché l'organizzazione sembrava fare orecchie da mercante.
L'organizzazione poi, non ne parliamo. Tutto un programma.



Bravi bravi bravi i conduttori. Hanno fatto miracoli. Grazie alla professionalità di Elenoire Casalegno e alla disponibilità affettuosa e umile di tutte le finaliste, alla fine, la grande disorganizzazione, i disordini apparenti e le promesse non rispettate sotto vari  aspetti da parte dell'organizzazione, hanno reso la finale accettabile e anche divertente, anche nella mezz'ora di BUIO, per la mancanza di un generatore.....( evviva il Direttore Artistico che pensa a tutto ).


Marco Bartolini
Team Slide

Less is more ( di Vilma Torselli )

Il 17 agosto 1969 moriva a Chicago Ludwig Mies van der Rohe, uno dei protagonisti di un’epoca cruciale dell’architettura e del design mondiali, in sua memoria questo breve scritto vuole ricordarne la straordinaria modernità ed attualità. 


In fuga dalla Germania nazista, Mies van der Rohe si impone immediatamente nell’ambiente intellettuale americano con la forza delle idee, la creatività travolgente ma insieme rigorosa ed un  bagaglio culturale di matrice europea del quale da sempre la giovane America subisce il fascino ed il carisma. Nell’avvicinarsi a quel mondo nuovo, in cui introduce un linguaggio di estrema purezza formale impregnato del rigorismo morale di ”De Stijl” e memore dell’esperienza al Bauhaus, Mies van der Rohe non trascura tuttavia i contenuti culturali di una nazione giovane, con un passato breve punteggiato da poche personalità emergenti e nell’americano  Frank Lloyd Wright egli, europeo, riconosce senza esitazione un maestro al quale si sente debitore, “un artista ispirato alla reale sorgente dell'architettura che, con vera originalità, innalzava le sue creazioni alla luce….",  specialmente nella ricerca di una continuità spaziale tra interno ed esterno.
Mies van der Rohe struttura il suo linguaggio minimalista in un’ architettura scarna, essenziale, semplificata, dove nulla è superfluo, un’architettura, per sua stessa definizione,  "skin and bone", pelle e ossa, le ossa di acciaio delle intelaiature portanti dei suoi grattacieli, la pelle di vetro delle grandi facciate trasparenti che mettono  a nudo i nodi strutturali, materia dura come il ferro e fragile come il cristallo sublimata dai riflessi della luce. Il vetro diventa per la prima volta elemento strutturale, sostituendo, sia in facciata che negli interni, i tamponamenti in muratura, dilatando gli spazi ed instaurando un nuovo rapporto tra pieno e vuoto, tra dentro e fuori, tra luce ed ombra, operando una rivoluzione copernicana del linguaggio architettonico sotto il profilo tecnologico, ma soprattutto concettuale.
Sorgono così le sue opere più note, fra le quali i Lake Shore Drive Apartments, il Federal Building, l'IBM Building, la Farnsworth House tutti a Chicago, il Seagram Building a New York.
Altrettanto incisivo il suo apporto nel campo del design, dove trasferisce la stessa straordinaria capacità di ottenere il massimo risultato col minimo dei mezzi attraverso un riduzionismo formale estremo, sottraendo ciò che è ovvio a beneficio di ciò che è veramente necessario, discriminando l'essenziale dal superfluo con inflessibile rigore e maniacale accuratezza nei particolari (suo il motto “God is in the details”).
Tra tutti i suoi progetti di interior design, mi piace ricordare come particolarmente significativo quello di una seduta ancora oggi prodotta e presente in molte case in ogni parte del mondo, la poltrona Barcelona, un imbottito a struttura portante in trafilato di acciaio cromato, cinghie di sostegno in cuoio, rivestimento in pelle. Disegnata per il padiglione tedesco dell’Expo di Barcelona del 1929, la poltrona fu concepita, secondo le parole dello stesso Mies, “per il riposo di un re”, per accogliere i reali  di Spagna in visita all’esposizione. 
Per definire il suo progetto, parte da lontano e rivisita le linee della “sella curulis”, la sedia dei magistrati dell’antica Roma, simbolo dell’autorità, modernizzata in un’interpretazione severa ed essenziale che la trasforma in uno scranno di algida austerità: due linee morbide, incrociandosi fluidamente, definiscono la struttura portante di estrema leggerezza grazie all’impiego dell’acciaio, materiale allora assolutamente innovativo nel campo dell’arredo, molto resistente, duttile, sagomabile, mentre l’imbottito, che riprende la forma pulita e geometrica dell’antico sedile, acquista morbidezza e comfort con la  trapuntatura. 
L’impostazione intellettualistica, l’allusione culturale, contribuiscono al fascino di questo oggetto senza tempo, oltre ogni moda, di incorruttibile purezza formale, sul quale Wolf Tegethoff, autore di molti studi monografici su Mies van der Rohe, scrive "La storia di un "trono": l'archeologia della poltrona Barcelona", ricostruendo la genesi del percorso creativo.
 “Less is more”, dice Mies, e persegue per tutta la vita un raffinato minimalismo, un’instancabile ricerca dell'essenza ultima ed unica della materia, oltre la quale brilla nuda l’anima divina dell’idea. 

E’ questo che ancora oggi ci emoziona, è per questo che voglio ricordare quell’agosto lontano.