martedì 1 marzo 2011

Scandalo : Ruby in Paradiso! ( Berlusconi Rubacuori Bunga Bunga )

Scandalo : Ruby in Paradiso!
Slide Media Partner, all’evento mediatico del momento.
di Tommaso Torri - Direttore Responsabile Slide

Avrà tenuto un comportamento da bambina viziata, la sua figura fa tremare i palazzi della politica, la sua figura sarà anche controversa ma, su una cosa, l’arrivo di Karima el Mahroug, in arte Ruby Rubacuori, al Paradiso di Rimini ha messo tutti d’accordo: la neo diciottenne è uno di quei fenomeni mediatici capaci di “bucare” lo schermo e di richiamare intorno a se uno stuolo di giornalisti da fare invidia a una finalissima. Slide ha convocato la stampa e seguito la comunicazione e l'impatto mediatico si è visto.
Mai, andando indietro con la memoria, una discoteca per quanto storica e blasonata come il Paradiso ha visto accorrere tanti operatori della stampa come per l’arrivo della marocchina – ed è da ricordare che sulla pista di Covignano sono scesi a ballare ministri, principi, filosofi e potenti di mezzo mondo – che, purtroppo, non ha certo dato il meglio di se in una notte che l’ha vista finire alla gogna a causa dei capricci suoi e del suo manager il tutto ampiamente ripreso da una folla di 50, tra giornalisti, operatori e rappresentanti dei media accreditati da tutta Italia e non solo.

Un silenzio che è arrivato dopo una settimana di tam tam su tutti gli organi di stampa, nazionali e locali, che hanno portato il Paradiso e Rimini al centro della scena e con i telefoni che si sono fatti roventi pur di riuscire a strappare un accredito o un commento della serata.
Annunciata in arrivo entro l’1, Ruby è entrata tatticamente da una porta laterale del locale alle 2.15; solo dopo la sua partenza Devis Paganelli, nostro Direttore Editoriale, svelerà che la marocchina era arrivata nel parcheggio sotterraneo del locale all’1 ma, venuta a sapere dell’elevato numero di reporter e telecamere presenti, avrebbe contattato il suo manager che le avrebbe consigliato di fare marcia indietro. A questo punto è intervenuta direttamente la proprietà del locale che, avrebbe deciso di rifiutare la presenza di un ospite che cambia le carte in tavola all'utimo minuto. Grazie all'intervento di Devis, al fine di accontentare almeno i giornalisti che si sono accreditati da ogni parte d'Italia e dopo un lungo testa a testa tra proprietà/manager, si è riusciti a convincere la ragazza ad entrare in cambio di un assoluto silenzio stampa da parte di Ruby e con la promessa che il servizio d’ordine avrebbe tenuto a distanza di almeno 3 metri telecamere e giornalisti. Non contento, il manager della ragazzina ha preteso il pagamento immediato e in contanti del cachet e, una volta ottenuta la busta dei contanti – non è stato reso noto se accompagnata anche da un Cd del maestro Apicella – e con l’orologio che segnava abbondantemente le 2 passata si è potuto dare il via alla serata. Secondo alcune voci, il misterioso manager che si è intrattenuto al telefono con Ruby, consigliandole di non partecipare alla serata, sarebbe un volto noto del caso “bunga bunga” e gestirebbe già svariati personaggi televisivi.

L’arrivo di Ruby al Paradiso è stato tutto fuorchè un ingresso trionfale: la porta laterale che emerge dai sotterranei del locale è stata presidiata dai media presenti e il personale di sicurezza ha faticato non poco per scortare la “papi girl” al salottino che domina la pista da ballo. Il piccolo corteo è stato salutato dai flash dei fotografi che, una volta arrivati al privè, sono stati tenuti a debita distanza dai buttafuori del locale. Telecamere e giornalisti hanno subito circondato la zona bersagliando Ruby di ma la “rubacuori” è sembrata distratta e assente: giusto il tempo di bere una flute di champagne, accennare qualche passo di danza e mormorare qualche frase incomprensibile al microfono.
Dopo nemmeno un’ora, verso le 3.15 per Ruby è arrivato il momento di ripartire; ennesimo parapiglia di telecamere, fotografi e giornalisti per cercare di forzare il muro della sicurezza che è rimasto impenetrabile fino all’ennesima uscita secondaria dove la “rubacuori” e il suo enturage sono sgattaiolati. Una serata decisamente no per la ragazza che, se sperava di salire alla ribalta del mondo della notte con questa ospitata, dovrà sicuramente rivedere i propri comportamenti; quello che, semmai, ha lasciato un po’ sorpresi è stato vedere e ascoltare i ragazzi – tutti più o meno coetanei della marocchina – che aspettavano la “papi girl” nel locale: tutti a discutere animatamente di politica pro o contro il premier: mai il mondo della notte, soprattutto quello frequentato dai più giovani, è stato teatro di dibattiti politici; semmai, quello che dà più da pensare, è che serviva uno scandalo mediatico condito di gossip e particolari piccanti per avvicinare i ragazzi alla politica.