giovedì 4 novembre 2010

UN SORRISO PER MICHELE di Gian Luca Rizzello - Slide Parma

Anche Slide si espone, invitandovi alla solidarietà.
Con il tuo aiuto, possiamo ridare autonomia al bimbo Michele Fichera.


Domenica 19 Settembre 2010 l’Associazione “il Bersagliere a.s.d.v.” ha messo in moto la solidarietà, il senso partecipativo, la voglia di sostenere collettivamente un nobile progetto coadiuvare aspettative e dare nuovi felici orizzonti alle collettive ed individuali coscienze. Slide era presente.
In collaborazione con l’associazione “Albero della Speranza-onlus” hanno infatti promosso e svolto la manifestazione pubblica cittadina gratuita denominata “ UN SORRISO PER MICHELE”.
Michele Fichera è un bellissimo bimbo di otto anni residente a Giarre (Ct) affetto da Tetraparesi Spastica dovuta alla Leucomacia Periventricolare e svolge costose terapie presso un centro specialistico a Piestany in Slovacchia . Per chi fosse interessato ed assumere ulteriori informazioni si consiglia di visitare i seguenti blog : Catania sotto rete – LarryCt – Un aiuto per Michele o vedere sul web i filmati di Antenna Sicilia – Libero Video o semplicemente cliccarehttp://blog.libero.it/MicheleFichera
Il senso partecipativo ha portato ad organizzare questo evento che è stato molto gradito dalla cittadinanza presente ( si sono contate più di 3000 presenze ) nel corso della manifestazione la Klo Comunication ha provveduto a fare animazione per grandi e bambini ad adornare con la bodyart i visi dei bimbi e bimbe (anche di qualche mamma) distribuito zucchero filato , i numerosi soci volontari dell’associazione il Bersagliere hanno distribuito a mezzogiorno un gradito piatto di pasta al sugo accompagnato da ottimi vini, nel pomeriggio si è dato spazio a musica e danze grazie alla partecipazione gratuita di alcuni gruppi musicali e di vocalist, grazie all’adesione di un noto pittore si è dato il via ad un asta benefica e grazie al contributo di soci/e, amici e di alcuni esponenti del terziario è stata allestita una pesca di beneficenza che è stata letteralmente assalita e svuotata dagli avventori. 
Decisa è stata anche l’adesione di quasi tutte le associazioni del territoroi, con la presenza di rappresentanti delle istituzioni come ll’Assessore Mascaretti, il Capogruppo Gallera, il Consigliere Comunale Abbagnale ed in rappresentanza del Consiglio di Zona 7 il Consigliere Messaggio. Menzionare in toto o specificatamente il contributo di ogni soggetto che ha contribuito alla realizzazione dell’evento è opera titanica quasi impossibile ma quelli de “Il Bersagliere” sono certi che il ricordo di questa partecipazione troverà per molto tempo spazio nei cuori di tutti.

MI RACCONTO....

Mi giravo e rigiravo nella pancia della mia mamma. Non le davo un attimo di tregua. Quando poi si metteva a letto, wow, potevo persino ballare!!
L’unico momento in cui stavo tranquillo era quando sentivo la voce della mia mamma e le sue carezze e quelle della zia Simona. 
Che bello poi ascoltare Mozart e Vasco Rossi!!
Lì fuori c’erano delle persone che mi volevano bene ed io dovevo vederle subito! 
Così la domenica del 2 giugno del 2002 decisi di nascere. Ma era ancora troppo presto...
Non ricordo molto di quel mattino, c’erano dei medici che pensavano che sarei morto. Ma chi IO?!?
La mamma nei suoi lunghi racconti mi aveva spiegato che c’era il cielo, l’alba, il mare, ed io dovevo vedere tutte queste cose.
In barba a tutte le previsioni mediche superai quella notte e anche quella dopo e quella dopo ancora e quando aprii gli occhi c’erano tutti i miei fans: quell’impertinente della zia Simi, lo zia Gianpi (ribattezzato da me Pipì, ma non lo dite a nessuno perchè adesso è un ingegnere e non posso più screditarlo così), i miei nonni (che meraviglia!) e la mia bellissima mamma!
Quella mancanza di ossigeno però aveva procurato una lesione al cervello che si chiama LEUCOMALACIA PERIVENTRICOLARE e la mia mamma era molto preoccupata, ma la dottoressa Meli le disse che io combattevo come un tigrotto e i miei neuroni funzionanti mi avrebbero aiutato molto.
A sei mesi stavo già seduto quando cominciarono gli spasmi: era la Sindrome di West, un tipo si epilessia che colpisce i bambini piccoli compromettendo seriamente la coordinazione. 
La mamma mi portò al Gaslini di Genova dove fui curato con l’ACTH, un precursore del cortisone che mi bloccò gli spasmi ma non riuscivo più a reggere neanche la testa e non rispondevo più agli stimoli uditivi e visivi. Ma io non mi arrendo, mai! C’erano tante cose belle che dovevo ancora vedere e sentire... Così mi presi gioco anche questa volta dei medici e recuperai quasi tutto.
Adesso parlo (e anche tanto), carpono, mi arrampico dappertutto, ma non riesco a camminare ancora.
Ma non avete capito che devo giocare al pallone con Martinez? Uffa! Io camminerò, un cucciolo di tigro non si arrende. MAI! 
Se volete contattare la mia mamma scrivete a:

Sabina Surace
Via Aldo Moro n° 80
95014 Giarre (Ct)
oppure telefonate al 347/6836966

Michele oggi : 
mai perdere la speranza
i sogni son desideri di felicita’ ..... il mio e’ quello di poter camminare!!!
questa speranza si potrebbe tradurre in realta’ !!!
a piestany, in slovacchia, a pochi chilometri da bratislava, al centro adeli si fa una speciale fisioterapia con una tutina nata per evitare agli astronauti i traumi dell’assenza di gravita’.
in seguito si e’ capito che la stessa tutina ha dei benefici sul sistema neurologico perche’ agisce sul sistema nervoso centrale.

Se volete potete aiutarmi anche voi ...
donando sul conto corrente sottoindicato. 
c/c intestato a = Sabina Surace
iban = IT09 S030 6983 9501 0000 0047 002
causale = donazione in favore di michele fichera
banca = Banca intesa Sanpaolo - Via Callipoli, 87 - 95014 Giarre (ct)

per donazioni tramite Post Pay:
carta intestata a: Sabina Surace
nr: 4023 6004 6954 1462