giovedì 4 novembre 2010

Cellule Staminali - Utilizzo, come e perchè! SLIDE ITALIA

STAMINALI
 
Se ne parla ormai da molti anni e nel frattempo oltre 20.000 trapianti di cellule staminali del cordone ombelicale sono stati effettuati in tutto il mondo. La scoperta delle proprietà di queste cellule, che sono in grado di trasformarsi in cellule specializzate di cui sono composti i tessuti e gli organi del corpo umano, ha prodotto una nuova branca della medicina moderna, chiamata rigenerativa, grazie alla quale è ora possibile intervenire in maniera decisiva per curare moltissime patologie ematologiche, immunologiche, genetiche, metaboliche e oncologiche per le quali non esistono terapie alternative.
Il parto è un momento unico e irripetibile nella vita di un individuo, in cui si possono raccogliere le staminali contenute nel sangue del cordone ombelicale e conservarle può di fatto considerarsi una possibilità di cura in più per il bambino (o per i suoi consanguinei), qualora se ne verificasse la necessità, nell’immediato o in futuro.
Nove Mesi ha visitato per voi il Bioscience Institute di San Marino, ma ogni coppia in attesa di un bebè può avere accesso ai laboratori per verificare di persona qualità e affidabilità della struttura. Bioscience Institute, in assoluta trasparenza, mette anche a disposizione dei genitori un biologo specializzato in criogenia per illustrare metodi di raccolta e conservazione e rispondere a tutte le domande. La visita, che è gratuita e prevede anche l’ospitalità di una notte in albergo, permette ai genitori di approfondire le proprie conoscenze sulla conservazione del sangue del cordone ombelicale e di avere un riscontro diretto sulle garanzie di competenza e sicurezza offerta dai laboratori.

Conservazione eterologa e conservazione dedicata

Nel giro di pochi anni la raccolta e la conservazione di sangue cordonale, da cui si ricavano le preziose cellule staminali, è aumentata vertiginosamente. La conservazione solidale eterologa prevede che la mamma doni a una banca pubblica le staminali del cordone del proprio bambino, mettendole a disposizione di chi, eventualmente, ne avesse bisogno per un trapianto, qualora ne venisse accertata la compatibilità. Attraverso la conservazione dedicata (o autologa), invece, le cellule staminali del cordone ombelicale, vengono conservate per uso personale del neonato o dei suoi consanguinei diretti. Può essere effettuata gratuitamente negli ospedali pubblici, se durante la gestazione o al momento del parto, il neonato o un consanguineo risultino affetti da una patologia curabile con le staminali cordonali, o nel caso in cui la famiglia sia considerata a rischio di avere figli affetti da malattie geneticamente determinate. In alternativa, la raccolta e la conservazione dedicata, può essere effettuata a scopi preventivi presso strutture estere private come il Bioscience Institute (in Italia non è consentito).

Come avviene la raccolta e la conservazione
Per effettuare la conservazione delle cellule staminali presso banche private estere, un mese prima del parto è necessario attivare la procedura per il rilascio del nullaosta all’esportazione da parte del Ministero della Salute o della direzione sanitaria dell’ospedale in cui avverrà il parto.  In tutte le fasi i futuri genitori sono assistiti dal Bioscience Institute, che si occupa, oltre che degli aspetti amministrativi e logistici, anche di fornire il supporto per ottenere l’autorizzazione all’esportazione.
Per effettuare la raccolta Bioscience Institute fornisce ai genitori un kit specifico con il quale viene trasportato il sangue prelevato dalla vena del cordone ombelicale, una volta reciso. Il prelievo, sicuro e indolore, viene effettuato utilizzando una sacca sterile contenente una soluzione anticoagulante. Il sangue cordonale raccolto viene quindi depositato all’interno della speciale valigetta (coibentata, pressurizzata e dotata di un lucchetto di sicurezza) e spedito a mezzo corriere presso i laboratori di Bioscience Institute.
All’arrivo della sacca, i biologi, procedono a meticolose verifiche qualitative e quantitative del sangue ricevuto e avviano rapidamente le procedure necessarie per la crioconservazione delle staminali (che ha una durata di 20 anni).
I laboratori di Bioscience Institute, che si estendono su una superficie di 220 metri quadrati, sono composti da una successione di camere bianche (sterili) dotate di avanzatissimi sistemi di sicurezza che consentono di garantire il massimo grado di sicurezza biologica grazie a un monitoraggio costante dei parametri di pressione, temperatura e umidità. All’interno delle camere bianche si procede alle operazioni di riduzione del volume, cioè alla separazione delle staminali dalle altri componenti del sangue. Le cellule, con un sistema di discesa programmata della temperatura, vengono subito avviate al congelamento in azoto liquido arrivando a -196 °C. Dopo sei mesi (periodo di quarantena indispensabile per scongiurare la presenza di eventuali infezioni o virus) la mamma deve ripetere alcune analisi il cui esito negativo permette di confermare l’idoneità del campione per eventuali trapianti.

Sicurezza e la qualità sono fondamentali
Se si decide di conservare le staminali per il proprio bambino o per un familiare compatibile è importante rivolgersi a una struttura capace di garantire il massimo grado di sicurezza e qualità, perché le cellule crioconservate possano, in caso di necessità, essere effettivamente utilizzate per un trapianto. In Europa sono poche le strutture come il Bioscience Institute, capaci di garantire standard qualitativi conformi alle Good Manufacting Practice. Cellule staminali conservate in una biobanca certificata conforme allo standard GMP possono essere utilizzate in qualunque centro trapianti del mondo.
Qualità ma anche estrema trasparenza: quanto accade nei laboratori di Bioscience Institute, incluso il costante monitoraggio dei parametri di sterilità degli ambienti, è verificabile in tempo reale collegandosi al sito della banca sammarinese (www.bioinst.com).
Entrare in contatto con realtà importanti nel settore delle cellule staminali, che garantiscono un rapporto diretto fra la struttura e i genitori, come il Bioscience Institute, è facile e permette di trasformare una semplice richiesta di informazione in una possibilità di cura in più per il proprio bambino.




Le cellule staminali del Cordone Ombelicale
Guida alla conservazione
Informazioni utili  per le mamme in attesa
IL CORDONE OMBELICALE
Il cordone ombelicale è il collegamento vascolare che collega la placenta al feto. Dalla placenta, attraverso il cordone ombelicale, arriva il sangue materno ricco di sostanze nutritive, ossigeno, ormoni e anticorpi, mentre dal feto ritorna quello carico di anidride carbonica e scorie prodotti dai processi metabolici (catabolismo fetale). Il cordone ombelicale è costituito da due arterie ombelicali, che dal feto vanno alla placenta, e una vena ombelicale con un flusso inverso dalla placenta al feto. Subito dopo la nascita il cordone ombelicale viene chiuso attraverso una piccola pinza di plastica (clampaggio), reciso a circa 8/10 cm dall’addome del neonato.
In questa fase, dalla parte di cordone ombelicale reciso e ancora unito alla placenta ed alla madre, è possibile raccogliere il sangue placentare contenuto al suo interno, ricco di cellule staminali adulte.
Se non si effettua la raccolta del sangue del cordone ombelicale, questo viene buttato via insieme alla placenta, smaltito con i rifiuti speciali ospedalieri.
COSA SONO LE CELLULE STAMINALI?
Le cellule staminali, dette anche “cellule madri”, sono cellule immature che non hanno ancora “deciso” quale sarà la loro funzione all’interno dell’organismo umano. Le cellule staminali sono, quindi, dei precursori delle altre cellule che compongono i diversi tessuti e organi di un individuo. Le cellule staminali rimangono immature fino a quando non interviene uno stimolo che le induca a trasformarsi e differenziarsi in cellule specializzate per adempiere a una specifica funzione.
Le cellule staminali sono molto importanti perché capaci di fornire il ricambio e la rigenerazione delle cellule di organi e tessuti danneggiati a causa del fisiologico invecchiamento cellulare, malattie o incidenti.
QUANDO ENTRANO IN AZIONE LE CELLULE STAMINALI ?
Le cellule staminali sono attive principalmente:
-           nella fase di sviluppo e accrescimento embrionale, quando producono le cellule che andranno a costituire tutti gli organi e i tessuti del corpo umano;
-           nella vita adulta dell’individuo, per la produzione di cellule di riserva che andranno a integrare o sostituire le cellule danneggiate o usurate di organi e tessuti.

QUANTI TIPI DI CELLULE STAMINALI ESISTONO ?
Le cellule staminali maggiormente utilizzate nella sperimentazione terapeutica sono le staminali embrionali e le staminali adulte.
Le cellule staminali embrionali si ricavano con una procedura di estrazione che richiede l’inevitabile soppressione embrione umano. Sono presenti nell’embrione dal 4° al 14° giorno successivo alla sua fecondazione e sono celluletotipotenti, cioè capaci di generare a tutti i tipi di cellule specializzate.
In Italia l’impiego di cellule staminali embrionali umane è vietato, ma il confronto tra etica e progresso scientifico continua ad alimentare il dibattito politico sui futuri scenari legislativi in materia. In altri Paesi vigono leggi diverse che, in alcuni casi, consentono sia l’utilizzo delle cellule staminali embrionali umane che il finanziamento pubblico della relativa ricerca scientifica.
Le cellule staminali adulte, per le quali non sussiste nessun problema di tipo etico, sono cellule multipotentipresenti nell’organismo umano già formato con il compito di accrescerlo e generare nuove cellule per il mantenimento e la riparazione di organi e tessuti. Le staminali multipotenti sono capaci di trasformarsi in alcuni tipi di cellule specializzate.
QUALI SONO LE PRINCIPALI FONTI DI CELLULE STAMINALI ADULTE?
Le cellule staminali adulte sono normalmente presenti nell’organismo umano, rintracciabili nel sangue del cordone ombelicale, nel midollo osseo, nel sangue periferico, nella polpa dentale, nel liquido amniotico e nel tessuto adiposo.
In caso di trapianto, tra le staminali adulte multipotenti, possono essere selezionati due tipi di cellule:
- le staminali ematopoietiche (capaci di differenziarsi prevalentemente in cellule del sangue);
- le staminali mesenchimali (capaci di differenziarsi in tessuto osseo, cartilagineo, tendineo, muscolare, cardiaco, epatico, polmonare e neuroni).
COME POSSONO ESSERE PRELEVATE LE CELLULE STAMINALI?
Le procedure per prelevare le cellule staminali da un individuo adulto sono spesso invasive e traumatiche, ad eccezione di quelle ricavate dal sangue del cordone ombelicale. Inoltre, tutte le fonti di staminali adulte permettono una raccolta esigua di cellule e il loro prelievo e isolamento è piuttosto difficile. Dal cordone ombelicale è invece possibile estrarre quantità abbondanti di cellule staminali e il prelievo è semplice, sicuro e indolore.
COME SI EFFETTUA IL PRELIEVO DI STAMINALI DAL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE ?
Il sangue cordonale, contenente le cellule staminali, viene raccolto subito dopo la nascita del bambino con una procedura che non interferisce con le normali attività di assistenza previste per la mamma e per il bambino. Nella porzione di cordone reciso e ancora unito alla placenta viene inserito un ago collegato alla sacca di raccolta. Il prelievo può essere effettuato sia in caso di parto naturale che di taglio cesareo.
LA PROCEDURA DI RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE È DOLOROSA?
Il prelievo è assolutamente indolore, avviene in maniera rapida e sicura senza alcun rischio sia per la madre che per il bambino.
IN COSA CONSISTE ESATTAMENTE LA RACCOLTA E CHI LA EFFETTUA ?
Il sangue cordonale viene prelevato quando il cordone è stato reciso e il bambino allontanato e affidato alle cure della puericultrice.
La raccolta è effettuata dal personale ostetrico mediante apposite sacche monouso dotate di ago retrattile con il quale viene punta la vena ombelicale e lasciando fluire il sangue cordonale all’interno della sacca.
Le procedure utilizzate per effettuare il prelievo sono standard e, se applicate scrupolosamente, sono in grado di garantire la massima sterilità del campione prelevato.
QUANTO TEMPO INTERCORRE DALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE AL SUO CONGELAMENTO?
Il trasferimento del campione presso la banca, sia pubblica che privata, avviene all’interno di appositi contenitori, che ne preservano l’integrità e la sterilità, in tempi che oscillano tra le 48 e le 72 ore.
PER QUANTO TEMPO POSSO ESSERE CONSERVATE LE CELLULE STAMINALI E PERCHÉ?
La conservazione di cellule staminali ha attualmente una durata di circa 20 anni. Studi scientifici, compiuti fino ad oggi, hanno potuto accertare una sicurezza di vitalità delle cellule conservate per
un periodo non superiore ai 20 anni. In futuro sarà possibile determinare se il congelamento per tempi più lunghi comprometta la sopravvivenza delle cellule staminali crioconservate.
PERCHÈ CONSERVARE LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE ?
Il parto è l’unica occasione, nel corso della vita di un individuo, in cui è possibile prelevare in modo sicuro e non invasivo cellule staminali totalmente compatibili, evitandone l’inutile distruzione. Conservare cellule staminali del cordone a scopo preventivo, prima dell’eventuale insorgenza di gravi malattie per le quali è indicato un trapianto di midollo osseo, permette di evitare sia la ricerca di un donatore compatibile che ogni rischio di rigetto o infezione conseguenti al trapianto. La probabilità che un paziente in attesa di trapianto trovi un donatore compatibile, anche nell’ambito dei suoi familiari, non è elevata.
L’impiego di cellule staminali cordonali per la cura di molte patologie conferma l’importanza e la validità scientifica della conservazione. Inoltre, poiché gran parte degli investimenti destinati alla ricerca sono concentrati nel campo delle cellule staminali e delle loro applicazioni terapeutiche, è sempre più ampia le possibilità di ulteriori futuri sviluppi delle applicazioni cliniche per la cura di malattia per le quali attualmente non esistono cure.
QUALI PATOLOGIE SONO CURABILI CON LE CELLULE STAMINALI ?
Attualmente le cellule staminali consentono di intervenire efficacemente nella cura di gravi malattie ematologiche, immunologiche, genetiche, metaboliche e oncologiche. La ricerca scientifica, inoltre, sta sviluppando nuove terapie che utilizzano le cellule staminali per la cura di malattie degenerative come l’Alzheimer, il morbo di Parkinson, l’ictus, il diabete tipo 1, la distrofia muscolare, le patologie cardiovascolari e numerose altre malattie per le quali non esistono cure alternative.
Si è sempre più convinti che in un futuro prossimo, i risultati della ricerca sulle cellule staminali determineranno una vera e propria rivoluzione nel modo di curare tante malattie invalidanti e mortali.
COME POSSONO ESSERE CONSERVATE LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE?
Attualmente sono tre le possibili modalità di conservazione del sangue cordonale:
- conservazione ETEROLOGA
- conservazione AUTOLOGA
- conservazione AUTOLOGA DEDICATA
CONSERVAZIONE ETEROLOGA (DONAZIONE)
Questo tipo di conservazione prevede la raccolta e lo stoccaggio delle cellule staminali in una delle 18 banche pubbliche del cordone attualmente attive in Italia e la rinuncia alla proprietà delle cellule. Il sangue cordonale prelevato subito dopo il parto viene donato a scopo solidaristico e messo a disposizione della comunità mondiale per trapianti su riceventi compatibili diversi dal donatore e dai sui consanguinei. La raccolta può essere effettuata su richiesta della gestante solo in strutture pubbliche abilitate e la procedura di raccolta e conservazione è completamente a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Ogni anno un gran numero di mamme desiderano effettuare la donazione e ne fanno richiesta ma, purtroppo, non sempre riescono a portare a termine la procedura. I motivi sono svariati: il limitato numero di punti nascita abilitati al prelievo (in tutta Italia sono 206); le strutture sanitarie coinvolte non possono garantire la continuità delle operazioni di prelievo, di raccolta e di consegna delle sacche nei tempi stabiliti a causa di carenza di personale; in particolari situazioni come orari notturni o giorni festivi non è possibile effettuare la raccolta; l’elevato costo di gestione dei laboratori, del personale e delle procedure di conservazione a fronte di risorse sempre più esigue della sanità pubblica. Tutto ciò, unitamente all’alto numero di sacche scartate (circa 6 su 10) dovuto all’insufficiente quantità di sangue raccolto, ha limitato molto il numero di conservazioni per uso eterologo nonostante le numerose richieste di donazione. Infatti, su circa 560.000 nascite registrate annualmente in Italia, il sangue cordonale conservato dalle banche pubbliche non supera mediamente le 1.200 unità all’anno con la conseguente distruzione dei restanti che non vengono conservati in modalità Autologa.
CONSERVAZIONE AUTOLOGA (PER USO PERSONALE O FAMILIARE)
Questa opzione permette di conservare per uso proprio le cellule staminali contenute nel sangue del cordone ombelicale, inviandolo a proprie spese in una banca estera privata. E’ una conservazione effettuata a scopo preventivo per un eventuale futuro utilizzo, una sorta di assicurazione biologica a tutela della salute del donatore, o di consanguinei compatibili, nel caso dovessero insorgere malattie per le quali è indicato l’impiego di cellule staminali.
Ai cittadini italiani, previa a autorizzazione del Ministero della Salute o direttamente della direzione sanitaria dell’ospedale in cui avverrà il parto, è possibile effettuare il prelievo presso qualsiasi punto nascita utilizzando il Kit di raccolta inviato ai genitori dalla biobanca estera.
CONSERVAZIONE AUTOLOGA DEDICATA
Nell’ambito della donazione pubblica, è possibile effettuare gratuitamente la raccolta del sangue placentare per uso autologo “dedicato”. E’ un tipo di conservazione riservata alle famiglie portatrici di una malattia per la quale è riconosciuta valida la terapia di staminali da sangue di cordone
ombelicale, come ad esempio la talassemia. In questo caso il sangue prelevato viene conservato presso una banca pubblica italiana per l’esclusivo utilizzo del bambino, o di un suo familiare. I costi di raccolta e conservazione sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale.
Questo è l’unico caso di conservazione autologa ammesso in Italia.
COSA DEVO FARE PER LA CONSERVAZIONE ETEROLOGA (DONAZIONE) DEL CORDONE OMBELICALE DI MIO FIGLIO?
Come prima cosa verificare se la struttura in cui si partorirà é accreditato, ossia che il punto nascita è abilitato ad effettuare la raccolta per uso solidaristico.
Per poter effettuare la donazione bisogna essere in buone condizioni di salute e non devono sussistere condizioni di rischio, sia durante la gestazione che al momento del parto. Bisogna, inoltre, compilare un questionario, sostenere un colloquio con un medico e firmare il “consenso informato alla donazione” con il quale la coppia donatrice si dichiara disponibile a donare il sangue del cordone ombelicale presso la Banca pubblica e ad acconsentire che sul campione vengano effettuate indagini di laboratorio, test genici e l’utilizzo a scopo di ricerca.
Per dare seguito alla procedura, entro il 7° mese di gravidanza devono essere effettuate alcune analisti per escludere malattie e infezioni, gli stessi esami saranno ripetuti a 6/12 mesi dal parto. Al momento della nascita sarà la gestante a far presente agli operatori la propria intenzione di donare il sangue cordonale del bambino.
(E’ bene sottolineare che sono molte le mamme che hanno il desiderio di donare ma che vedono spesso mortificato il loro slancio di solidarietà. Questo accade perché: sono ancora pochi i punti nascita abilitati alla raccolta pubblica, inoltre, è possibile effettuare la raccolta solo nei giorni feriali e negli orari coperti dal servizio, e ancora… è necessario che la quantità di sangue raccolta sia molto consistente – 100 ml. Tutte queste condizioni spesso ostacolano la raccolta e il cordone finisce nei rifiuti ospedalieri. D'altronde  il SSN non potrà mai garantire a tutte le mamme la possibilità di poter donare il cordone del loro bambino, per gli alti costi che questa procedura comporta).
COME EVITARE LINUTILE SPRECO DI TANTI CORDONI OMBELICALI OGNI ANNO ?
La conservazione autologa (per uso personale) può sicuramente fornire un importante sostegno a quella eterologa (donazione per uso solidaristico). Dati statistici dimostrano infatti che, a fronte delle circa 6 milioni di nascite avvenute in Italia negli ultimi 10 anni, sono state conservate per uso eterologo circa 16.129 unità di sangue cordonale (fonte BMDW - 23/06/2008).
La sola conservazione eterologa, quindi, non è riuscita a evitare la distruzione del 99.7% dei cordoni ombelicali disponibili. L’esiguo numero di unità di sangue cordonale conservate dalle banche
pubbliche, non d’altronde imputabile all’esistenza delle banche autologhe estere (che ne conservano circa 10.000 all’anno) quanto piuttosto a un deficit strutturale e di risorse del Servizio Sanitario Nazionale.
Appare evidente che, per evitare l’inutile distruzione di un materiale biologico così prezioso, il supporto fornito dalle strutture private che si occupano di crioconservazione delle cellule staminali autologhe può integrare e rafforzare l’attività delle banche eterologhe del cordone, purché siano in grado di garantire serietà e eccellenti standard qualitativi.
PERCHÉ PER POTER CONSERVARE LE CELLULE STAMINALI PER USO AUTOLOGO BISOGNA INVIARLE ALLESTERO?
La legislazione italiana permette la conservazione autologa (per se stessi) delle cellule staminali del cordone ombelicale solo nel caso in cui venga riscontrata nel nascituro una patologia per la quale è riconosciuto valido l’utilizzo terapeutico delle cellule staminali cordonali.
In tutti gli altri casi, il Ministero della Salute riconosce ai cittadini italiani il diritto di esportare e conservare, a fini preventivi, il sangue del proprio cordone ombelicale nei Paesi in cui è consentita la conservazione autologa.
COSA SUCCEDE ALLA SACCA DI SANGUE QUANDO ARRIVA PRESSO I LABORATORI ?
Alla sacca viene immediatamente assegnato un codice alfanumerico, associato anche a un codice a barre, che ne permette l’identificazione e la tracciabilità. La sacca viene quindi trasferita all’interno di una camera sterile (o camera bianca) e collegata ad un apparecchio che separa le cellule staminali dalle altre componenti del sangue. Le cellule staminali ricavate vengono trasferite in una sacca più piccola, sigillata e avviata al congelamento passando, in un tempo programmato, da 4°C a –130°C e successivamente stoccata in un contenitore criobiologico ai vapori di azoto a –196°C.
CON QUALI PROCEDURE VENGONO ACCERTATE LA STERILITÀ, LA VITALITÀ E LA SICUREZZA BIOLOGICA DELLE CELLULE STAMINALI CONSERVATE ?
Il campione di sangue cordonale viene sottoposto ad analisi per stabilire la quantità e la vitalità delle cellule staminali, il gruppo sanguigno del bambino e l’eventuale presenza di batteri all’interno del campione. Inoltre, nei sei mesi successivi al parto il campione viene conservato in un contenitore dedicato alla quarantena, in attesa che gli esami infettivologici, effettuati sul sangue della madre, escludano la presenza di infezioni o virus e permettano di “validare” l’unità.
LA QUARANTENA È VERAMENTE NECESSARIA ?
Non effettuare le analisi di controllo su HIV e epatiti a 180 giorni dall’avvenuta conservazione, cioè trascorso il periodo della cosiddetta QUARANTENA, pregiudica la sicurezza del campione conservato oltre a renderlo inutilizzabile e non trasportabile.
Ripetere queste analisi, già effettuate prima del parto, è indispensabile e obbligatorio per legge. E’ l’unico modo per avere la certezza che il campione biologico non sia contaminato da epatiti o HIV (secondo quanto stabilito dalla Direttiva Europea 17/2006).
Non esiste alcun esame diagnostico, per quanto sofisticato ed innovativo, che possa rendere “non necessari” gli esami di quarantena.
Non ottemperare a tale obbligo di legge rende inutilizzabili le cellule staminali conservate, perché ne rende impossibile la necessaria verifica di sicurezza biologica prima di effettuare il trapianto.
QUALI ALTRE PROCEDURE POSSONO METTERE A RISCHIO IL FUTURO UTILIZZO DELLE CELLULE STAMINALI CONSERVATE ?
Alcune società che offrono il servizio di crioconservazione di cellule staminali utilizzano varie argomentazioni, probabilmente a scopo commerciale, che non hanno alcuna validità scientifica e che, al contrario, compromettono la possibilità di utilizzare le cellule staminali conservate per un eventuale trapianto.
Tra queste, ad esempio, vi è la cosiddetta “DOPPIA CONSERVAZIONE”, ossia la quantità di cellule staminali prelevate dal sangue cordonale viene separata e conservata in due sacche separate, a volte addirittura spedite in luoghi distanti centinaia di Km. Questa procedura rappresenta un suggestivo argomento di comunicazione che, tuttavia, viene considerato dalla comunità scientifica un elemento negativo nell’attività di un laboratorio dedicato alla conservazione di cellule staminali. Infatti, la conservazione delle cellule staminali in sacche separate viene considerata dagli organismi di certificazione internazionale priva delle basilari garanzie di qualità, poiché non è prevista dalle Norme di Buona Pratica di Fabbricazione (GMP). La procedura che porta alla suddivisione in due sacche separate, infatti,aumenta del 100% la probabilità di contaminazione e rischia di compromettere la qualità e la vitalità delle cellule.
COSA FARE PRIMA DI STIPULARE IL CONTRATTO?
Accertarsi che i laboratori di conservazione siano in possesso della certificazione GMP (Good Manufacturing Practice, ossia le Norme di Buona Pratica di Fabbricazione).
Questa certificazione rappresenta il massimo standard qualitativo esistente capace di garantire la sicurezza biologica dei laboratori, inoltre, è l’unica certificazione di qualità riconosciuta sia dall’Unione Europea che dalla FDA (Food and Drug Administration). Conservare le cellule staminali in una biobanca non certificata GMP equivale a precludersi la possibilità di un futuro utilizzo delle cellule stesse, infatti, qualunque Centro Trapianti del mondo non accetterebbe mai di trapiantare materiale biologico proveniente da laboratori non certificati GMP. Questo perché un trapianto di staminali non correttamente conservate potrebbe esporre a rischi e compromettere la vita stessa del paziente.
CHE DIFFERENZA CE TRA UN LABORATORIO CERTIFICATO GMP” E UN LABORATORIO CHE HA LOSTANDARD GMP” ?
E’ una differenza importante e sostanziale quella che distingue un laboratorio certficato GMP da un laboratorio che dichiara, invece, di avere lo standard corrispondente alla certificazione, di cui però non ha ottenuto il rilascio.
La sola conformità, infatti, non equivale al conseguimento di una certificazione ottenuta solo dopo aver superato rigorose ispezioni effettuate dagli enti sovranazionali preposti al rilascio.
I laboratori che riescono ad ottenere la certificazione GMP sono quelli che hanno investito ingenti capitali per rendere le strutture biologicamente sicure nel rispetto delle costose procedure imposte dallo standard GMP.
CON CHI E CONSIGLIABILE STIPULARE IL CONTRATTO?
E’ preferibile stipulare il contratto direttamente con la banca estera proprietaria dei laboratori, che risponda direttamente del proprio operato, e non con società commerciali di intermediazione. La Legge n. 219 del 21 ottobre 2005, infatti, vietando ad aziende private qualsiasi attività imprenditoriale legata alle cellule staminali del cordone,rende nullo qualsiasi contratto di crioconservazione autologa stipulato con società italiane, anche se le cellule staminali vengono conservate all’estero, perché in violazione della legislazione italiana. La stessa L. 219/2005 stabilisce che le cellule staminali non possono essere oggetto di lucro e punisce qualsiasi attività che, direttamente o indirettamente, produca un profitto derivante dalle stesse, equiparando, di fatto, le staminali al sangue e agli organi.
QUALI CRITERI SEGUIRE NELLA SCELTA DI UNA BANCA PRIVATA DOVE CONSERVARE LE CELLULE STAMINALI DI MIO FIGLIO ?
La scelta della biobanca privata, cui affidare un materiale biologico così prezioso come le cellule staminali, richiede una attenta valutazione delle garanzie offerte dalla società e dalla struttura che dovrà conservarle.
I due principali criteri da seguire sono l’AFFIDABILITÀ della società e la SICUREZZA BIOLOGICA che è in grado di garantire attraverso procedure adottate e le dotazioni tecnologiche dei laboratori.
E’ bene verificare la solidità finanziaria della biobanca. Nell’affidare le cellule staminali, per oltre venti anni, ad una struttura privata bisogna necessariamente verificare le garanzie offerte nel tempo dalla banca in termini di affidabilità finanziaria e societaria (es. preferire una SpA rispetto ad una Srl).
Se possibile, è consigliabile andare a visitare i laboratori della biobanca, per verificare di persona la qualità del servizio offerto e le garanzie di affidabilità e sicurezza biologica della struttura e delle procedure adottate.
QUANTO COSTA INVIARE E CONSERVARE LE CELLULE STAMINALI ALLESTERO ?
La conservazione del cordone ombelicale presso le banche estere ha un costo che mediamente si attesta sui 2.000 €, più un canone di conservazione annuale di 50,00 €.
IMPORTANTE: La reale differenza tra le varie biobanche private non risiede nel costo del servizio ma nella capacità di garantire o meno il futuro utilizzo delle cellule staminali conservate. Se la banca di conservazione non può garantire gli standard di sicurezza richiesti dai centri trapianti, il materiale biologico conservato non potrà essere utilizzato. Quindi, per non rischiare di “buttare” via i soldi, oltre le cellule staminali del cordone, conviene fare le dovute verifiche e riuscire, attraverso una scelta oculata della banca di conservazione, a realizzare un effettivo investimento in prevenzione per la futura salute di figli e familiari.

Sesso e tecnologia - di Tommaso Torri SLIDE ITALIA

SESSO E TECNOLOGIA
Sempre più spesso è necessario ricorrere allo psicoterapeuta
di Tommaso Torri

Che la tecnologia fosse un nemico mortale per il romanticismo lo si sospettava da tempo e, a confermare che l’hi-tech sia diventato il terzo incomodo tra le coperte del rapporto di coppia ci ha pensato una ricerca statunitense che ha evidenziato come smartphone, palmari, telefonino, computer e console sono i veri nemici della passione soprattutto se ''mettono piede'' in camera da letto.
Il sovraccarico tecnologico che le nuove e vecchie generazioni stanno spesso passivamente subendo potrebbe portare effetti negativi non solo al sonno, ma anche alla frequenza dei rapporti sessuali. Lo rivela una ricerca americana che ha coinvolto specialisti, medici, psicoterapeuti e sessuologi: il loro parere è unanime, meglio staccare la spina.
Le mail, i social network, la tv al plasma, le consolle di ultima generazione: sono tutti fattori stressanti, sia dal punto di vista fisico che mentale. La sessualità ne risente in modo particolare, e i ricercatori della Cleveland Clinic lo confermano dati alla mano. Negli Stati Uniti quasi il 70% dei cittadini americani di sesso maschile “si porta addirittura a letto il cellulare, e il 65% delle donne fa altrettanto”.
La corsa tecnologica sembra confermarsi come il peggior alleato di una vita sessuale regolare. Se qualche tempo fa gli esperti criticavano la televisione in camera da letto, presto dovranno arrendersi anche alle nuove evoluzioni dell’hi-tech. “E’ come se il talamo si affollasse di intrusi – spiega Serenella Salomoni, la presidente dell’associazione di sessuologi che ha svolto una ricerca simile in terra italiana – intrusi e terzi incomodi”.
Il numero delle persone che si rivolgono ai centri specializzati per superare i loro problemi è in costante aumento: coppie magari inconsapevoli che tra i problemi da risolvere c'è anche questo, dell'intrusione dei nuovi strumenti hi-tech in camera da letto. “Il consiglio che do ai miei pazienti è quello di staccare tutte le spine, dare un taglio netto. Ho notato che molte coppie ne traggono vantaggio. Anche se chiaramente non può essere solo questa la soluzione ai loro problemi. Però - conclude Salomoni - quando chiudiamo la porta della camera da letto, tutto il resto dovrebbe restare fuori”.
La situazione è drasticamente peggiorata – conclude la dottoressa. – Con il pc e lo smartphone accesi ad oltranza, la frequenza dei rapporti sessuali è in picchiata, quasi del 70% in meno. Tutto questo fa aumentare nel partner rancore eaggressività, creando un malessere che alla lunga compromette il rapporto”.
La tecnologia, dunque, è un pessimo alleato delle coppie. Ed è facile capire il perché: siti come youporn o simili proliferano. Fanno affari alla grande. E quindi è chiaro che si tratta di tempo sottratto ai rapporti sessuali veri.
Molta gente, stanca del proprio partner, preferisce rifugiarsi in mondi virtuali, dove basta un clic per scegliere e cambiare di continuo. Nella vita reale ciò è assai più difficile. Certo, il sesso on line non è minimamente paragonabile a quello vero, però la concorrenza è forte, come i dimostrano i dati diffusi dai ricercatori Usa.
Non sono solo i siti porno a fare concorrenza all'amore non platonico; è comunque la tecnologia in genere a togliere spazi e tempi alla coppia. C'è chi preferisce una partita ai videogame alla propria moglie o fidanzata. Si tratta non certo di casi isolati, come anche molti episodi di cronaca dimostrano.
La morale da trarre è molto semplice. Tutto è utile e divertente, potenzialmente. L'importante è sempre non eccedere. Sia che si tratti di telefonini, videogame, web, lettori dvd e prodotti tecnologici in genere. E allora sesso e tecnologia potranno tornare a fare pace.

The Coltrane Legacy - Quando il jazz trasmette il suono dell'anima... - di Alessandra Mura SLIDE SASSARI

Quando il jazz trasmette il suono dell’anima…
"The Coltrane Legacy"
Alghero: Tino Tracanna quartet al Poco Loco
di Alessandra Mura – Slide Sassari

L’appuntamento con il jazz è firmato Tino Tracanna. In uno dei locali più conosciuti della Riviera del Corallo, al Poco Loco, si rinnova ogni anno l’appuntamento con il jazz. Parliamo di Jazz, quello che pochi sanno fare, quel tipo di musica che non si preoccupa dell’aspetto commerciale quanto di quello comunicativo, sperimentale, che non ha bisogno di grandi spiegazioni, ma solo di essere assaporato con la mente, con l’anima e con le vibrazioni.
Il jazz è ospite d’onore al Poco Loco, che rinnova l’appuntamento stagionale ospitando un musicista ormai conosciuto nel panorama jazzistico internazionale. Tino Tracanna insieme al Four-Wheel Drive jazz quartet ha proposto un omaggio a John Coltrane, attraverso delle composizioni del grande sassofonista,con alcuni standard eseguiti da lui e altri brani composti da musicisti della sua scuola, insieme a composizioni originali. John Coltrane tra l’altro è stato uno dei più grandi sassofonisti della storia del Jazz, grande interprete, virtuoso e innovatore. A lui si deve lo sviluppo e la diffusione del Jazz cosiddetto modale e il suo stile che ha influenzato tutto il Jazz moderno.
Tracanna ha dato modo, nella sua interpretazione live, di assaporare i virtuosismi e le sperimentazioni che il suo jazz ha metabolizzato con gli anni, riuscendo a misurarsi con se stesso, con la sua voglia di comunicare, tra armonie e misurate variazioni di tema. Con lui sul palco del Poco Loco, Giovanni Agostino Frassetto al pianoforte, Paolo Spanu al contrabbasso e Gianni Filindeu alla batteria, special guest Antonio Pitzoi alla chitarra.
Difficilmente si traduce un linguaggio musicale, ancor più se a parlare sono degli interpreti di questo calibro.


Raccontiamo un po di loro.

Giovanni Frassetto, divide la sua attività tra la direzione dell'Orchestra Jazz della Sardegna, i concerti come pianista e flautista e un'intensa attività didattica. E' diplomato in Flauto e in Jazz, e suona il pianoforte dall'età di dodici anni. Un talento conclamato, che non ha bisogno di troppe presentazioni. Ha suonato con nomi importanti del panorama mondiale jazz come Cobham, Mintzer, Harrell, Swallow, Bley, Art Ensemble of Chicago, Girotto, Schuller. E' titolare della cattedra del dipartimento di Jazz di Sassari, docente di teoria e responsabile dei corsi invernali di Jazz di Nuoro. Dal 1989 è direttore dell'Orchestra Jazz della Sardegna.
Paolo Spanu, un interessante interprete al contrabbasso, ha alle spalle diversi lavori discografici inizialmente di formazione rock e pop, dedicandosi definitivamente al jazz nei primi anni ‘90. Dal 1999 è membro del Woodstore Quintet con il quale è vincitore della sezione D (esecuzione) del Concorso Internazionale “BargaJazz 2001” e con il quale pubblica nel 2002 il lavoro discografico “Distanza” (Splasc(H) Records). Nel 2005, è nato un grande lavoro discografico “41st Parallel”, con la partecipazione di Tim Hagans e Maria Pia de Vito.
Dal 2005 partecipa al progetto “Birth Of The Cool” come membro del nonetto che vede, fra gli altri, il grande Paolo Fresu alla tromba.


Gianni Filindeu invece,fa parte di quel gruppo di musicisti che opera a Roma dalla metà degli anni 90 e che costituisce la nuova leva espressiva del jazz capitolino. 
Operando stabilmente a Roma, ha suonato, nel corso degli anni, con Fresu, Tommaso, Margitza, per citarne alcuni. Ha partecipato ad importanti Jazz Festivals nazionali quali “Time in Jazz”a Berchidda, “Sassari  Jazz”, “Colosseo Jazz Festival”tanto per ricordarne alcuni , ma ha partecipato anche a numerosi festivals all’estero tra cui il “Kultur Festival” di Berlino nel 1990. Nel 1996, in Turchia, suona in quartetto con Maurizio Gianmarco allo “European Jazz Festival” di Izmir ed al Central Theatre di Ankara.
Nel 2000 effettua, con il GASP quintet, una tournee in Africa  suonando ad Addis Abeba in Etiopia, al Carnivore di Nairobi in Kenya, nell’ “International Festival of Arts” di Harare e nell’ “International Expo” di Bulawayo in Zimbabwe. Viaggi importanti per la sua formazione artistica, che si è arricchita di nuove forme musicali.


Tracanna e il suo amore per il Jazz: Ho raggiunto i miei traguardi
La storia musicale di Tracanna, come lui stesso ci ha rivelato in esclusiva, inizia da quando a 16 anni, si innamora del sax. Ed è un sodalizio immediato, nonostante non sia figlio d’arte e nonostante abbia iniziato a studiare musica non proprio giovanissimo. Ma quando si dice che la musica è lo specchio dell’anima, si comprende come il jazz sia testimone della sua voglia di esprimersi, senza troppe direttive stoiche o studi di classici. Tracanna si definisce quasi un autodidatta, poiché il suo percorso artistico è proseguito sperimentando, ricercando un linguaggio musicale che potesse rivelare l’idea di armonia che lui aveva in mente. E lo ha fatto grazie all’influenza, nella sua vita di uomo e di artista, di due figure per lui importantissime che lo hanno fatto crescere e maturare: da una parte uno dei più grandi pianisti di fama internazionale Franco D’Andrea, che lo ha scoperto e catapultato nei palcoscenici di tutto il mondo, dall’altra un altro nome ormai famosissimo del panorama jazzistico moderno, Paolo Fresu, con il quale ha sperimentato un jazz moderno a due menti, lavorando con lui a diversi progetti.


Tracanna sembra parlare due lingue che si fondono insieme: da una parte c’è il maestro del conservatorio da ormai dieci anni, in più scuole di Milano, dall’altra prende forma il sassofonista, con alle spalle oltre cento dischi come solista e grande appassionato dei madrigali cinquecenteschi.
"Assenza ed Essenza" il brano che apre l'ultimo lavoro di Tino Tracanna, diventa un motivo rivelatore: infonde un senso di calma e di tranquillità,percorsa però da piccole increspature, da fremiti premonitori di possibili accidenti. D’altro canto fornisce chiari segnali sull'andamento del motivo, che è pervaso da un'atmosfera di assoluto relax esecutivo, ma è altamente reattiva agli stimoli che ogni singolo membro del gruppo si lancia a suon di note. Non è un caso che nella maggior parte dei brani, Tracanna utilizzi il sax soprano, strumento sibillino in grado di invertire repentinamente la rotta di un'esecuzione, di trasmettere soavità e lucentezza timbrica ma nel contempo di creare una tensione sotterranea che rende dinamiche le esecuzioni e abolisce qualsiasi forma di leziosità.
Un'ora”, l’ultimo album della Doble Stroke record, è composto da quattordici brani, quattordici piccole grandi storie nelle quali Tracanna, con discrezione e gentilezza che gli appartengno, racconta molto di sé e del suo essere artista. Quattordici brani all'interno dei quali tre brevissime improvvisazioni , testimoniano come lo scorrere della vita e della musica sia inevitabilmente soggetta a momenti di riflessione, di meditazione e di immersione completa nell’universo più intimo che contraddistingue ognuno di noi.
Non ho mai cercato il successo commerciale”
Con estrema verità, Tino Tracanna si rivela al pubblico dichiarando l’avversione per tutto ciò che diventa commerciale. “Non mi sono mai preoccupato di piacere o far piacere a tutti la mia musica, ho sempre solo pensato a comunicare qualcosa di me, e dopo aver girato il mondo intero, posso dire di essere soddisfatto del mio percorso. In questo momento della mia vita sto dando il meglio”. “L’Italia probabilmente non è il paese più preparato culturalmente alla musica jazz, come possiamo dire della Francia o dei Paesi del nord” ha confessato inoltre Tracanna. “Ma il pubblico jazz mi segue, ho i miei fans sparsi per lo stivale che mi scrivono e mi chiedono dei miei lavori, e questo è sicuramente uno stimolo in più che ti spinge a continuare a fare musica, la tua musica”.
Alla domanda che gli abbiamo rivolto, in merito ai progetti e alle sue future conquiste, Tracanna ha dichiarato di essere curioso di veder partorire presto un grande progetto che sta concretizzando insieme al dj Bonnot. Questo maestoso carnefice delle macchine costruisce ambienti sonori dove Tracanna interviene, trasformando le composizioni in improvvisazioni. Hanno già lavorato insieme in molteplici esibizioni live, ma sono attualmente alla ricerca di quell’equilibrio artistico che si farà interprete di un jazz quanto mai imprevedibile ma estremamente sentimentale.
Sarà un bel lavoro di analisi e di comunione di esperienze che vale la pena raccontare, speriamo entro la fine del 2010.

Figli della certezza - di Claudia Melani SLIDE GROSSETO

FIGLI DELLA CERTEZZA
L’ INCONTRO DI SLIDE CON TIZIANA TENUZZO, ASSESSORE ALLE POLITICHE GIOVANILI, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E PARI OPPORTUNITA’, DELLA PROVINCIA DI GROSSETO
di Claudia Melani - Slide Grosseto

La prima volta che ho visto Tiziana Tenuzzo è stato su Facebook: le ho scritto un messaggio ed è stato un bene, altrimenti non avrebbe neanche notato la mia richiesta di amicizia, fra la marea di persone che la cercano e vogliono entrare in contatto con lei.
Dopo un breve scambio di telefonate, ci siamo incontrate per la prima volta di persona il giorno dell’ inaugurazione del Grosseto Horse Festival, dove le ho consegnato una copia di Slide.
Sin dalla primo scambio di messaggi su Facebook, Tiziana mi era sembrata una persona fuori dal comune, diretta, aperta, sincera, simpatica.
Dal vivo è anche molto bella, forte: “Non amo il femminismo - mi dice - perché non credo che debba esserci un lotta fra i due sessi, la donna non deve equipararsi all’ uomo per godere di rispetto e parità, il rispetto deve nascere dalla consapevolezza della diversità e peculiarità di ognuno”.
Le chiedo se le piace Slide, parliamo di Grosseto: i giovani sono le persone per cui lavora e a cui vuole dare il massimo di input positivi.
“Figli della certezza”, è la definizione, che vuole dare ai “suoi” giovani, in contrasto con quella tendenza negativa, che ha cercato di dare le nuove generazioni per disperse, preda delle insicurezze dettate dalle problematiche dei nostri tempi.

Ma i ragazzi che l’ hanno votata e con cui, in estate, si è incontrata al mare, in discoteca o sul Nightbus, sono ricchi di un potenziale magico, scaturito da una coscienza del tutto nuova del presente, un presente che non fa paura, ma si accetta per quello che è, si elabora, si risolve.

“E anche La Giunta della Provincia di Grosseto è fatta in gran parte di giovani”, mi dice lei con soddisfazione.

CHI E’ TIZIANA TENUZZ
Ha 27 anni, è nata a Torino e vive a Grosseto. E’ laureanda in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Siena. Da 8 anni fa parte del direttivo dell’Italia dei Valori. All’interno dell’Idv ha svolto anche il ruolo di  coordinatrice dei giovani del partito. Nel 2005 e nel 2010 è stata candidata al Consiglio regionale della Toscana. Prima dei non eletti in Consiglio provinciale per l’Italia dei Valori, è stata nominata nella rosa delle candidate femminili dal presidente Marras.
Leonardo Marras, Presidente della Provincia di Grosseto dal 23 giugno 2009, e’ stato Sindaco del Comune di Roccastrada per due candidature (il massimo del tempo consentito), eletto per la prima volta quando aveva 26 anni.


Night BUS, Carta Giovani, PTC - La mostra dei giovani artisti.

Night Bus, A/R in Discoteca”, è un servizio navetta da e per le discoteche maremmane che ha permesso ai ragazzi, per tutta la stagione estiva, di raggiungere in sicurezza e libertà i locali notturni della costa. Il bus della notte è completamente gratuito.
“Si parla sempre di sicurezza dei nostri giovani, noi abbiamo deciso di fare concretamente qualcosa - spiega Tiziana Tenuzzo -. Il NightBus è il mezzo di trasporto pubblico che porterà i ragazzi direttamente nel centro del divertimento, coniugando la libertà di partire all’ora che vogliono con la tranquillità di non essere direttamente responsabile della guida”.

Da giugno 2010 la Provincia di Grosseto distribuisce gratuitamente la Carta Giovani europea. Si tratta di una tessera personale e nominativa che viene rilasciata, ai ragazzi, italiani e stranieri, di età compresa tra i 14 e i 30 anni residenti nel territorio provinciale. La Carta dà diritto a numerosi sconti e agevolazioni (da un minimo del 10%), in Italia e in 41 Paesi europei. Allo stato attuale, sono 3600 le strutture pubbliche e private convenzionate a livello nazionale e oltre 100 mila in Europa. La Provincia, insieme a Confesercenti, Cna, Confartigianato e Confcommercio, sta lavorando alla promozione della Carta anche presso gli esercizi commerciali e nelle strutture pubbliche locali, come i teatri o i musei. La Carta giovani, infatti, oltre ad essere un'opportunità per la crescita sociale e culturale dei ragazzi, lo è per la promozione di iniziative, prodotti e servizi erogati sul territorio, poiché apre un canale preferenziale di dialogo con i giovani della provincia, d'Italia e d'Europa. "La Carta Giovani - commenta Tiziana Tenuzzo - è presente in Italia da 18 anni ed è l'unica così ampiamente diffusa in Europa. L'obiettivo della Provincia è quello di promuoverla sul territorio poiché la riteniamo uno strumento utile per incoraggiare nei giovani la mobilità e l'accesso alla cultura in una dimensione europea, oltre ad incidere positivamente sul loro potere di acquisto".

L’ arte è, da sempre, lo strumento di espressione di se stessi, della parte più profonda dell’ animo umano. Spesso una necessità, un bisogno impellente di raccontare agli altri una storia, di mostrare a tutti la propria personale visione del mondo. Quando quella urgenza è espressa dai componenti più giovani di una comunità, allora l’ arte riesce ad acquistare un significato ancora più potente… ”.

Con queste parole Tiziana Tenuzzo ha introdotto la Mostra dei giovani artisti, che si è svolta a Grosseto dal 10 al 12 giugno 2010 in Piazza del Sale, in occasione della presentazione del più importante strumento di pianificazione territoriale della Provincia, il Piano Territoriale di Coordinamento. Dieci giovani artisti hanno avuto modo di spiegare dai loro “punti di vista” il territorio, esponendo, in una mostra collettiva, lavori di fotografia, grafica, graffiti e wall painting.

Aiuta COOPI

CHI E’ IN COOPI CI METTE LA FACCIA

Diritti dei donatori di Coopi
1) Scegliere i progetti da sostenere: Poter indicare la destinazione del proprio contributo (progetto specifico, area di intervento).
2) Essere informati: Ricevere periodicamente rendiconti sulle attività e sull’utilizzo dei fondi con testimonianze dal campo, attraverso la newsletter, il sito web, il notiziario trimestrale “Coopi news”.
3) Modalità di aggiornamento: Scegliere la modalità con la quale essere aggiornati: giornalino periodico, newsletter, sito web.
4) Conoscere i risultati: Poter sapere, in ogni momento, l’andamento delle attività in corso ed i risultati raggiunti.
5) Tutela della persona: Essere destinatari di una comunicazione non lesiva della dignità della persona né aggressiva o colpevolizzante, ma che sia chiara, coinvolgente e rappresentativa della realtà descritta.
6) Verifica e controllo: Possibilità di prendere visione del bilancio di esercizio e, su richiesta, di riceverlo secondo la modalità preferita.
7) Certificazione: Ricevere periodico riscontro delle donazioni effettuate durante l’anno per usufruire dei benefici fiscali.
8 ) Filo diretto: Poter contattare in qualsiasi momento l’associazione, tramite l’ufficio preposto “Relazioni con i donatori”, per informazioni o richieste di materiale.
9) Privacy: Avere la garanzia che i propri dati siano tutelati in base alla normativa sulla Privacy vigente.
10) Partecipazione: Poter partecipare attivamente alla vita dell’associazione tramite suggerimenti e osservazioni.
Doveri di Coopi

1) Coopi si impegna a comunicare e condividere con i propri donatori i principi che ritiene fondamentali e che sono indicati nella propria Mission.
2) Coopi persegue la propria missione nel rispetto dei principi indicati ne La Carta dei Valori”.
3) Coopi riconosce come essenziale al raggiungimento della propria missione il contributo di ciascun donatore.
4) Coopi persegue l’efficacia e l’efficienza gestionale attraverso organi di governo così suddivisi: struttura decisionale, struttura operativa e società esterna di controllo. Questi garantiscono una corretta suddivisione delle responsabilità ed il perseguimento di una corretta e prudente amministrazione.
5) Coopi opera in maniera trasparente impegnandosi a redigere il bilancio e a renderlo pubblico sul proprio sito internet e pubblicarne un estratto sul notiziario “Coopi news”.

CARTA D’IDENTITA’

COOPI – Cooperazione internazionale è una Organizzazione Non Governativa (ONG), laica ed indipendente, che lotta contro ogni forma di povertà per migliorare il mondo.
Fondata a Milano nel 1965 da Vincenzo Barbieri (il padre del volontariato internazionale in Italia), COOPI è un'organizzazione riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri, che agisce per assistere le popolazioni in casi di emergenza (catastrofi e conflitti) e per favorire il loro sviluppo civile, economico e sociale.
L'associazione interviene in Africa, America Latina, Medio Oriente e Balcani attraverso progetti che integrano diversi settori: agricoltura, formazione, salute, acqua e igiene, servizi socio-economici, assistenza umanitaria, diritti umani, migrazioni.
Solo nel 2008, COOPI ha realizzato 185 progetti in 24 paesi del Sud del mondo, raggiungendo 4,5 milioni di beneficiari ed ha condotto 32 progetti di Sostegno a distanza in 6 paesi (Perù, Senegal, Sierra Leone, Repubblica Centrafricana, Etiopia e Uganda), aiutando 1.906 bambini e bambine.
COOPI è presente anche in Italia, attraverso le campagne di educazione allo sviluppo, sensibilizzazioni e raccolta fondi, l'impegno dei volontari (circa 300), la promozione del Master in Cooperazione allo sviluppo dell'Università di Pavia e la partecipazione, tra gli altri, a Link 2007 e AGIRE (Agenzia Italiana di Risposta alle Emergenze).
L'organizzazione è sostenuta da autorevoli fonti istituzionali, enti pubblici, fondazioni, aziende e cittadini (circa 20.000) - tra i principali finanziatori, spicca la Commissione Europea (Dipartimento per l’aiuto umanitario), di cui COOPI è partner.
Il bilancio 2008 ammonta a circa 35 milioni euro, di cui il 94% è stato impiegato negli interventi nel Sud del mondo e il 6% per finanziare la struttura.
COOPI ama definirsi una “ONG del fare” che si avvale della professionalità di 63 collaboratori in Italia, 161 espatriati e 1.355 operatori locali.
Dal 1965 ad oggi, ha raggiunto 50 paesi, realizzato 700 progetti di sviluppo ed emergenza, coinvolto 50.000 operatori locali, assicurando un beneficio diretto a 60.000.000 di persone.


IL TUO AIUTO FA LA DIFFERENZA!

Dona subito.
In Posta: c/c postale 990200 intestato a: COOPI – Cooperazione Internazionale –ONG ONLUS
In banca: c/c bancario 000000102369, Banca Popolare Etica – IBAN IT 06 R 05018 01600 000000102369
Online: collegandosi al sito www.coopi.org





La nostra missione
COOPI, vuole contribuire, attraverso l’impegno, la motivazione, la determinazione e la professionalità delle sue persone, allo sviluppo armonico e integrato delle comunità con cui coopera nei Paesi del Sud del mondo, nella consapevolezza che attraverso l’incontro e la collaborazione tra i popoli si possano concretamente perseguire gli ideali di uguaglianza e di giustizia, di progresso e di coesione sociale, per ottenere un miglior equilibrio tra Nord e Sud del mondo, tra aree sviluppate e aree depresse o in via di sviluppo.


carta dei valori
1_Solidarietà: COOPI vuole diffondere e affermare la cultura della solidarietà attraverso l'informazione e la sensibilizzazione per la difesa e il rispetto dei diritti fondamentali di tutti i popoli, così come previsto dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.
2_Trasparenza: COOPI si impegna a gestire in modo efficiente i fondi raccolti e a renderne conto a tutti i suoi donatori, sia istituzionali che privati.
3_Neutralità: COOPI opera in totale indipendenza da interessi privati e in autonomia da politiche governative, mantenendo equidistanza sia da partiti politici che da confessioni religiose.
4_Partecipazione: COOPI coinvolge le istituzioni, le comunità, le associazioni e le organizzazioni locali per analizzare i problemi, individuare le soluzioni più adeguate nel rispetto delle culture, degli usi e dei costumi dei beneficiari.
5_Sostenibilità dell'intervento: COOPI realizza i suoi progetti valorizzando le strutture, le risorse economiche ed il personale locali, con l'obiettivo di un concreto e durevole sviluppo dei paesi in cui interviene.
6_Responsabilità: COOPI valuta costantemente l'efficacia dei propri interventi, verificando le qualità e le capacità dei partner locali al fine di assicurare l'autosostenibilità del progetto.  
7_Trasferimento di conoscenze: COOPI diffonde competenze affinché i beneficiari dei suoi interventi siano in grado di lavorare in completa autonomia e in modo indipendente.
8_Innovazione: COOPI persegue il continuo miglioramento delle proprie competenze, affinando metodi e strategie operative che siano in grado di attuare approcci innovativi e sempre più efficaci.
9_Rispetto delle diversità e Lotta alle discriminazioni: COOPI si adopera per la valorizzazione delle culture e delle differenze nella convinzione che ciò sia condizione fondamentale per il progresso.
10_Valorizzazione delle risorse umane: COOPI rispetta i diritti e tutela la sicurezza di tutti i propri collaboratori e volontari, riconoscendone l'operato professionale nel rispetto delle norme internazionali e del paese in cui lavorano.

UN SORRISO PER MICHELE di Gian Luca Rizzello - Slide Parma

Anche Slide si espone, invitandovi alla solidarietà.
Con il tuo aiuto, possiamo ridare autonomia al bimbo Michele Fichera.


Domenica 19 Settembre 2010 l’Associazione “il Bersagliere a.s.d.v.” ha messo in moto la solidarietà, il senso partecipativo, la voglia di sostenere collettivamente un nobile progetto coadiuvare aspettative e dare nuovi felici orizzonti alle collettive ed individuali coscienze. Slide era presente.
In collaborazione con l’associazione “Albero della Speranza-onlus” hanno infatti promosso e svolto la manifestazione pubblica cittadina gratuita denominata “ UN SORRISO PER MICHELE”.
Michele Fichera è un bellissimo bimbo di otto anni residente a Giarre (Ct) affetto da Tetraparesi Spastica dovuta alla Leucomacia Periventricolare e svolge costose terapie presso un centro specialistico a Piestany in Slovacchia . Per chi fosse interessato ed assumere ulteriori informazioni si consiglia di visitare i seguenti blog : Catania sotto rete – LarryCt – Un aiuto per Michele o vedere sul web i filmati di Antenna Sicilia – Libero Video o semplicemente cliccarehttp://blog.libero.it/MicheleFichera
Il senso partecipativo ha portato ad organizzare questo evento che è stato molto gradito dalla cittadinanza presente ( si sono contate più di 3000 presenze ) nel corso della manifestazione la Klo Comunication ha provveduto a fare animazione per grandi e bambini ad adornare con la bodyart i visi dei bimbi e bimbe (anche di qualche mamma) distribuito zucchero filato , i numerosi soci volontari dell’associazione il Bersagliere hanno distribuito a mezzogiorno un gradito piatto di pasta al sugo accompagnato da ottimi vini, nel pomeriggio si è dato spazio a musica e danze grazie alla partecipazione gratuita di alcuni gruppi musicali e di vocalist, grazie all’adesione di un noto pittore si è dato il via ad un asta benefica e grazie al contributo di soci/e, amici e di alcuni esponenti del terziario è stata allestita una pesca di beneficenza che è stata letteralmente assalita e svuotata dagli avventori. 
Decisa è stata anche l’adesione di quasi tutte le associazioni del territoroi, con la presenza di rappresentanti delle istituzioni come ll’Assessore Mascaretti, il Capogruppo Gallera, il Consigliere Comunale Abbagnale ed in rappresentanza del Consiglio di Zona 7 il Consigliere Messaggio. Menzionare in toto o specificatamente il contributo di ogni soggetto che ha contribuito alla realizzazione dell’evento è opera titanica quasi impossibile ma quelli de “Il Bersagliere” sono certi che il ricordo di questa partecipazione troverà per molto tempo spazio nei cuori di tutti.

MI RACCONTO....

Mi giravo e rigiravo nella pancia della mia mamma. Non le davo un attimo di tregua. Quando poi si metteva a letto, wow, potevo persino ballare!!
L’unico momento in cui stavo tranquillo era quando sentivo la voce della mia mamma e le sue carezze e quelle della zia Simona. 
Che bello poi ascoltare Mozart e Vasco Rossi!!
Lì fuori c’erano delle persone che mi volevano bene ed io dovevo vederle subito! 
Così la domenica del 2 giugno del 2002 decisi di nascere. Ma era ancora troppo presto...
Non ricordo molto di quel mattino, c’erano dei medici che pensavano che sarei morto. Ma chi IO?!?
La mamma nei suoi lunghi racconti mi aveva spiegato che c’era il cielo, l’alba, il mare, ed io dovevo vedere tutte queste cose.
In barba a tutte le previsioni mediche superai quella notte e anche quella dopo e quella dopo ancora e quando aprii gli occhi c’erano tutti i miei fans: quell’impertinente della zia Simi, lo zia Gianpi (ribattezzato da me Pipì, ma non lo dite a nessuno perchè adesso è un ingegnere e non posso più screditarlo così), i miei nonni (che meraviglia!) e la mia bellissima mamma!
Quella mancanza di ossigeno però aveva procurato una lesione al cervello che si chiama LEUCOMALACIA PERIVENTRICOLARE e la mia mamma era molto preoccupata, ma la dottoressa Meli le disse che io combattevo come un tigrotto e i miei neuroni funzionanti mi avrebbero aiutato molto.
A sei mesi stavo già seduto quando cominciarono gli spasmi: era la Sindrome di West, un tipo si epilessia che colpisce i bambini piccoli compromettendo seriamente la coordinazione. 
La mamma mi portò al Gaslini di Genova dove fui curato con l’ACTH, un precursore del cortisone che mi bloccò gli spasmi ma non riuscivo più a reggere neanche la testa e non rispondevo più agli stimoli uditivi e visivi. Ma io non mi arrendo, mai! C’erano tante cose belle che dovevo ancora vedere e sentire... Così mi presi gioco anche questa volta dei medici e recuperai quasi tutto.
Adesso parlo (e anche tanto), carpono, mi arrampico dappertutto, ma non riesco a camminare ancora.
Ma non avete capito che devo giocare al pallone con Martinez? Uffa! Io camminerò, un cucciolo di tigro non si arrende. MAI! 
Se volete contattare la mia mamma scrivete a:

Sabina Surace
Via Aldo Moro n° 80
95014 Giarre (Ct)
oppure telefonate al 347/6836966

Michele oggi : 
mai perdere la speranza
i sogni son desideri di felicita’ ..... il mio e’ quello di poter camminare!!!
questa speranza si potrebbe tradurre in realta’ !!!
a piestany, in slovacchia, a pochi chilometri da bratislava, al centro adeli si fa una speciale fisioterapia con una tutina nata per evitare agli astronauti i traumi dell’assenza di gravita’.
in seguito si e’ capito che la stessa tutina ha dei benefici sul sistema neurologico perche’ agisce sul sistema nervoso centrale.

Se volete potete aiutarmi anche voi ...
donando sul conto corrente sottoindicato. 
c/c intestato a = Sabina Surace
iban = IT09 S030 6983 9501 0000 0047 002
causale = donazione in favore di michele fichera
banca = Banca intesa Sanpaolo - Via Callipoli, 87 - 95014 Giarre (ct)

per donazioni tramite Post Pay:
carta intestata a: Sabina Surace
nr: 4023 6004 6954 1462